Pennino flessibile. Quale?

Stili, strumenti e iniziative per migliorare la propria scrittura.
Avatar utente
BLACKLETTERS
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 24
Iscritto il: venerdì 27 settembre 2019, 16:09
La mia penna preferita: Montblanc Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Flessibile

Pennino flessibile. Quale?

Messaggio da BLACKLETTERS » martedì 1 ottobre 2019, 15:39

Ben ritrovati a tutti, questo è il mio primo argomento che apro ...
voglio esordire con una questione a me molto cara e che mi porta via tanto tempo, impiegato a girovagare nelle pagine online di vari siti e blog per cercare di apprendere e approfondire il discorso delle stilografiche vintage e soprattutto del pennino flessibile e le sue diverse sfumature e sfaccettature.

Premessa:
Io per chi ancora non lo sapesse faccio calligrafia da tanti anni ,anche se a livello amatoriale, ho 26 anni e fin da quando ero piccolo non ho ricordo che non sia con un pastello, una penna o un colore in mano e a partire dalle scuole superiori soprattutto si è intensificata in me questa passione ,un po' perché cominciando a fare i graffiti quando frequentavo il liceo artistico,un po perché mio padre vedendomi crescere e fidandosi di me dato che non ero più' bambino e vedendo che mi sono appassionato all'arte in generale anche grazie a lui che mi spingeva in quella direzione ,comincio a farmi vedere e a usare anche se sporadicamente le suepenne ,stilografiche ecc da collezione e non..(che oggi in pratica sono diventate a tutti gli effetti di mio possesso e e uso quasi quotidianamente) mi appassionavo alla scrittura sotto le sue svariate forme parallelamente al disegno e ad altri generi artistici, iscrivendomi all'università' ho ancora di più apprezzato questa cosa perché il repentino tempo passato davanti al pc a progettare .disegnare 2d e 3d dato che frequento architettura e di pari passo lavoricchio come fotografo, le tre cose sono andate a nozze,quindi uso le stilografiche per le mie bozze, per schizzi veloci, per prendere appunti, per firmare disegnare e quanta'altro.

Inoltre praticando e vivendo l'arte da anni e anni ho accumulato tantissimo ma tantissimo materiale per tutti i generi e gli stili, libri manuali ecc ...oltre alle stilografiche ho una vasta raccolta di pennini vintage da inzuppo flessibili e non , quelli tronchi per l'italico, il gotico, il medievale e l'onciale...compreso quelli per il corsivo inglese ecc ecc tutti stili calligrafici che senza superbia e senza vantarmi conosci abbastanza bene e so usarli, ho un ampia collezione di pennini tecnici anche dato che mio padre è un geometra e quindi come per le stilo ho ereditato e ampliato anche quel reparto, varie rotring ecc ecc lui le usava per disegnare le tante quando non esistevano i pc e io ora le uso per disegnare ecc cc ghost molti strumenti di scrittura orientali,brush ,pen brush parallel ,varie stilografiche super economiche sempre per disegno e scrittura giapponese ecc, flessibili e non o che simulano il pennello, strumenti da disegno tecnico e non anche antichi e introvabili, e in fine una vasta quantità di inchiostri che nel tempo ho provatone conosco un bel po,e poi varie e smisurate stilografiche ,roller penne e portamine dal valore medio alto.. e anche qualche edizione limitata.. per citarne qualcuna Aurora ,Mont Blanc,Waterman ,Pilot ,Sailor,..ecc ecc e molte marche molto meno conosciute di cui non rammento nemmeno il nome e su cui ho trovato poco e nnt sul web...e ediixoni limitate come la Imperial dragon , Hemingway, varie montblanc , dante algheri,anche la 88 demostration dell'aurora ecc insomma ho un bel po di cosette che apprezzo molto ,ne sono gelosissimo e le custodisco con gelosia le uso solo io e me le godo.

RICHIESTA:
Ora anche se brevemente siete a conoscenza del mio percorso, di quello che possiedo, posso spiegarvi al meglio quello che cerco e che vorrei.
Sono molto curioso di avere informazioni perché effettivamente non so tanto acculturato sulla argomento delle super flex e delle flessibili vintage e in generale , sui modelli di punta e non ,sulle case produttrici che hanno creato modelli che hanno fatto la storia e perché , ultima cosa ma non ultima se qualcuno di competente in questo ambito che le abbia provate o che le possiede e le usa è disponibile e mi consiglierebbe qualche modello di stilografica flessibile e super flex da comprare ,dove comprare ecc.

Io delle nuove edizioni flex conosco la nuovissima Montblanc Calligraphy sia nel modello 146 (modello rivestito con foglia oro) che 149 (quella che più mi piace), ne esiste una versione dell'Aurora....di quelle a ogi giorno in vendita come nuove produzioni e la Pilot Fcoln 14k unica flessibile moderna che possiedo ma che si bellissima e tutto ma non è quello che cerco, l'ho comprata per provarla e confrontarla ma preferirei acquistare qualche modello vintage molto più flex con un contrasto tra linea fine e tratto max davvero importate, tipo la Waterman 54 che vedo molto su vari video YouTube ,insomma non so se mi sono spiegato ,ma avendone la possibilità me ne comprerei a dozzine di stilo come le waterman con quella punta e che mi permetta di scrivere in quel modo....ad oggi se voglio avvicinarmi a quello spesso ( ma lontanamente) uso un a 146 vintage non flex ma mettendo una leggera pressione sul pennino semi rigido ottengo qualcosina, o con la simile giapponese Sailor 1911 grand e la Falcon.....senza contare che poi uso con pennino e cannuccia le varie note extra flex come la Zebra G , il NIKKO G , il LEONARD EF ,BRAUSE STENO ecc ecc pennini con i quali riesco a usare anche inchiostri acrilici e con i quali ho scritto con commissione anche molte partecipazioni di matrimonio a mano, presi per amici..ecc ecc...

appena capisco come funziona bene il blog prima o poi comincerò a pubblicare qualche foto dei miei lavori ,degli schizzi, dei disegni della calligrafia che faccio e farvi vedere anche qualche Stilo ecc anche perché faccio foto di “mestiere“ ho un vasta attrezzatura professionale dato che collaboro con vari studi fotografici realizzando savi di matrimonio e non solo e quindi è solo un piacere realizzare foto accurate, tempo permettendo dato che ho solo mi mancano solo 5 esami che mi dividano dalla laurea in architettura quindi faro tutto il possibile per essere presente .

Aspetto vostre risposte ,informazioni, link foto o qualsiasi altra cosa mi possa aiutare a comprendere al meglio questo mondo dei flessibili e ancora di più utili consigli per acquistare qualcuna di queste stilo per cominciare a usarle!
Allegati
IMG_3471.jpg
ho inserito questa foto dei primi fogli da me scarabocchiati trovati sulla scrivania a portata di mano

Avatar utente
BLACKLETTERS
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 24
Iscritto il: venerdì 27 settembre 2019, 16:09
La mia penna preferita: Montblanc Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Flessibile

PENNINO FLESSIBILE QUALE?

Messaggio da BLACKLETTERS » martedì 1 ottobre 2019, 15:44

fogli recuperati dal cestino sono esercizi che la notte mi diverto a fare prima di coricarmi ahah tipo ninna nanna ...questa se non erro è la pilot falcon, con inchiostro mont blanc su carta rodia puntata
Allegati
IMG_3472.jpg

Avatar utente
BLACKLETTERS
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 24
Iscritto il: venerdì 27 settembre 2019, 16:09
La mia penna preferita: Montblanc Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Flessibile

PENNINO FLESSIBILE QUALE?

Messaggio da BLACKLETTERS » martedì 1 ottobre 2019, 16:28

vi posto qualcosina che ho trovato sui miei proflli social dato che di calligrafia pubblico ben poco perché quello che faccio lo tengo per me, comunque le foto sono realizzate da me come la calligrafia e tutto ,fatemi sapere cosa ne pensate!
Allegati
58666100_2182778335367409_6084929980721004544_o.jpg
58689413_2182778542034055_2386466838214082560_o.jpg
58684804_2182778328700743_2096555953028595712_o.jpg
58686595_2182778408700735_1663050124860850176_o.jpg
58576572_2182778385367404_6814243645516939264_o.jpg

Avatar utente
BLACKLETTERS
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 24
Iscritto il: venerdì 27 settembre 2019, 16:09
La mia penna preferita: Montblanc Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Flessibile

PENNINO FLESSIBILE QUALE?

Messaggio da BLACKLETTERS » martedì 1 ottobre 2019, 16:29

mentre questa una poesia di Gabriele DìAnnunzio scritta con Sailor e pennino Nikkor G , sempre foto realizzate da me
Allegati
56526695_2165311393780770_4507053395256803328_n.jpg
56669459_2165311527114090_8765096269002571776_o.jpg
56214402_2165311570447419_4916609931731271680_o.jpg
55949793_2165311633780746_4805148795891351552_o.jpg

calli1958
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 65
Iscritto il: giovedì 12 settembre 2019, 18:54
La mia penna preferita: Reform (credo) pennino flex
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 nero
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: provincia di Treviso
Sesso:

PENNINO FLESSIBILE QUALE?

Messaggio da calli1958 » martedì 1 ottobre 2019, 18:24

BLACKLETTERS ha scritto:
martedì 1 ottobre 2019, 15:39




... questo mondo dei flessibili e ancora di più utili consigli per acquistare qualcuna di queste stilo per cominciare a usarle!
Mi piacciono le stilografiche, ma non le conosco molto; mi piacciono in particolare i pennini flessibili (perché mi piace scrivere il corsivo inglese con pennino e cannuccia), e mi chiedo se hai o ti è capitato di vedere nel web, non ricordo se relativamente a Pilot o Sailor ma opto più per la prima delle versioni modificate del pennino più flessibile; mi è capitato di vedere un sito specializzato in queste elaborazioni (non italiano, forse americano o inglese) e, se non sbaglio, sia con la possibilità di acquistare direttamente la penna con pennino modificato sia di mandare loro la penna da modificare.
Sicuramente nel forum c'è chi ne sa molto di più e sicuramente ti darà informazioni più utili.
Ugualmente mi pare ci siano parecchi conoscitori anche delle flex d'annata che potranno fornire utili indicazioni (seguirò il tuo argomento e ne approfitterò perché interessa anche me, almeno per curiosità).
Per i pennini da cannuccia mi par di capire che ne hai di tutti i tipi quindi non credo ti servano indicazioni; io, fra quelli che ho provato, preferisco quelli vecchi agli attuali perché mi pare abbiano una risposta più "dolce" e progressiva, ma probabilmente sono solo sensazioni soggettive.
BLACKLETTERS ha scritto:
martedì 1 ottobre 2019, 16:29
...poesia di Gabriele DìAnnunzio
Una curiosità: hai scelto di scriverla senza rispettare i versi, qual'è il motivo sottostante? se c'è.... ovviamente!

Avatar utente
lucawm
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 251
Iscritto il: sabato 17 marzo 2018, 19:49
La mia penna preferita: Waterman Ideal No.3
Il mio inchiostro preferito: Aurora Nero
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Bari
Sesso:

PENNINO FLESSIBILE QUALE?

Messaggio da lucawm » martedì 1 ottobre 2019, 19:08

Per quanto riguarda le stilografiche con pennino flessibile, oltre alle solite Waterman 52, 32, 54, 5.....che magari costicchiano di più, puoi dare un'occhiata alle Mabie Todd, la serie Swan in particolare. Sono penne anglo-americane (la provenienza dei pezzi dipende dall'epoca) con dei flessibili meravigliosi. Si possono fare ottimi acquisti. Attenzione ad acquistare su ebay poichè molti venditori danno per flessibili anche dei semi-flex, e sono da evitare di questa marca i pennini marchiati Eternal che sono assolutamente rigidi.

PS: spesso sono penne con caricamento a leva o pulsante o altro (vedi twist filler per alcune Mabie Todd) che possono richiedere la sostituzione del sacchetto interno, spesso rotto e indurito. E' una cosa semplice da fare però va tenuta in considerazione.

Luca

Avatar utente
BLACKLETTERS
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 24
Iscritto il: venerdì 27 settembre 2019, 16:09
La mia penna preferita: Montblanc Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Flessibile

PENNINO FLESSIBILE QUALE?

Messaggio da BLACKLETTERS » martedì 1 ottobre 2019, 20:19

calli1958 ha scritto:
martedì 1 ottobre 2019, 18:47
Una curiosità: hai scelto di scriverla senza rispettare i versi, qual'è il motivo sottostante? se c'è.... ovviamente!
Ciao sisi la foto che ho pubblicato e’ una bozza in quanto la pergamena originale e’ stata consegnata a un mio amico che mi aveva richiesto e commissionato la realizzazione di quello scritto ,infatti sempre facendo riferimento al foto che ho mandato mancano anche alcune righe per completare la poesia originale ...mentre sul definitivo sono stati seguiti i versi .buon occhio comunque; :D in quel caso stavo facendo varie prove per vedere l’ Impaginato incolonnato come potesse sembrare,
lucawm ha scritto:
martedì 1 ottobre 2019, 19:08
Per quanto riguarda le stilografiche con pennino flessibile, oltre alle solite Waterman 52, 32, 54, 5.....che magari costicchiano di più, puoi dare un'occhiata alle Mabie Todd, la serie Swan in particolare. Sono penne anglo-americane (la provenienza dei pezzi dipende dall'epoca) con dei flessibili meravigliosi. Si possono fare ottimi acquisti. Attenzione ad acquistare su ebay poichè molti venditori danno per flessibili anche dei semi-flex, e sono da evitare di questa marca i pennini marchiati Eternal che sono assolutamente rigidi.

PS: spesso sono penne con caricamento a leva o pulsante o altro (vedi twist filler per alcune Mabie Todd) che possono richiedere la sostituzione del sacchetto interno, spesso rotto e indurito. E' una cosa semplice da fare però va tenuta in considerazione.

Luca
Ciao grazie mille della risposta , grazie a tutti innanzitutto anche a quelli che risponderanno in Futuro , per quanto riguarda le stilografiche fino ad oggi ho comprato ,tramite eBay,subito usate , da negozio fisico nuove ,o da negozio sempre nuove online ....però diciamo che comprare una Montblanc o qualsiasi altra penna abbastanza nota e’ molto semplice ,mentre conoscere questi modelli vintage soprattutto quando molto spesso il venditore non specifica se il pennino e’ flessibile o rigido se uno appunto non conosce a fondo l’oggetto può rischiare di incappare in spiacievoli acquisti , non so in Italia non esiste un mercato di penne , dei ritrovi, o un negozio in particolare che tratta usato sarei felice di farmi una vacanza per andare a vedere e magari perché no comprare qualche penna vintage

Avatar utente
G P M P
Moderatore
Moderatore
Messaggi: 2230
Iscritto il: mercoledì 18 gennaio 2012, 16:06
Il mio inchiostro preferito: Pilot Namiki Blue
Misura preferita del pennino: Medio
FountainPen.it 500 Forum n.: 003
Arte Italiana FP.IT M: 003
Fp.it ℵ: 003
Fp.it 霊気: 003
Località: Pescara
Sesso:

PENNINO FLESSIBILE QUALE?

Messaggio da G P M P » martedì 1 ottobre 2019, 20:33

BLACKLETTERS ha scritto:
martedì 1 ottobre 2019, 15:44
fogli recuperati dal cestino sono esercizi che la notte mi diverto a fare prima di coricarmi ahah tipo ninna nanna ...questa se non erro è la pilot falcon, con inchiostro mont blanc su carta rodia puntata
Quando uno dice "l'invidia".

Al di là delle battute, complimenti. Per rispondere alla tua domanda, attendi uno specialista di questa sezione (dove ho spostato l'argomento che hai aperto) - secondo me non tarderà.
Giovanni Paolo

Avatar utente
francoiacc
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1526
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Paragon Arco Bronze
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

PENNINO FLESSIBILE QUALE?

Messaggio da francoiacc » martedì 1 ottobre 2019, 21:21

NOTA: Attenzione la foto seguente è intesa solo a mostrare il grado di flessibilità del pennino al richiedente, non ad evidenziare le inadeguate doti calligrafiche e di fotografo :oops: :oops:

Io ti consiglierei anche una OMAS vintage con pennino Extra Lucens. Ci sono anche pennini OMAS Extra vintage flessibili, ma bisognerebbe provarli prima o chiedere al venditore, qualora acquistato online, una prova di scrittura. :wave:
Allegati
Foto5.jpg
"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"
Francesco
Immagine

Avatar utente
BLACKLETTERS
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 24
Iscritto il: venerdì 27 settembre 2019, 16:09
La mia penna preferita: Montblanc Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Flessibile

PENNINO FLESSIBILE QUALE?

Messaggio da BLACKLETTERS » mercoledì 2 ottobre 2019, 1:13

francoiacc ha scritto:
martedì 1 ottobre 2019, 21:21
NOTA: Attenzione la foto seguente è intesa solo a mostrare il grado di flessibilità del pennino al richiedente, non ad evidenziare le inadeguate doti calligrafiche e di fotografo :oops: :oops:

Io ti consiglierei anche una OMAS vintage con pennino Extra Lucens. Ci sono anche pennini OMAS Extra vintage flessibili, ma bisognerebbe provarli prima o chiedere al venditore, qualora acquistato online, una prova di scrittura. :wave:
Wow graZie mille , lascia stare io che sono fissato e che pratico calligrafia quasi quotidianamente ma hai una bella grafia , di suo fa tanto anche lo strumento e il suo favoloso pennino, appunto ne cerco uno così perché non vedo l’ora di avere tra le mani una still del genere perché ho già in mente tantissimi lavori che potranno uscire fuori ma davvero belli con il 50% dello sforzo in meno ahah fa tutto il pennino da se..la mia mano deve solo lasciar scorrere la penna e accompagnarla dolcemente sul foglio..

Tra l’altro non so se a qualcuno interessa ma sto sperimentando anche le matite a base argento quelle dette infinite su brevetto italiano che si rifanno alle matite concepire da Leonardo per disegnare ✍️ e scrivere i suoi appunti ecc ecc ma e’ un ‘altro mondo..c’è lo studio dei vai metalli, la chimica tra penna e foglio e la composizione stessa del supporto della carta che si scrive ecc ecc un mondo pieno di cose belle ..peccato che come sempre dico anche se sono giovane...oggi ci siamo ,domani non si sa’...e quindi vorrei vivere ogni giorno al Max e godermi le cose belle ..anche queste .

Avatar utente
Irishtales
Moderatrice
Moderatrice
Messaggi: 8941
Iscritto il: lunedì 5 novembre 2012, 18:34
La mia penna preferita: Wahl-Eversharp Doric
Il mio inchiostro preferito: Levenger - Forest
Misura preferita del pennino: Flessibile
FountainPen.it 500 Forum n.: 087
Arte Italiana FP.IT M: 044
Fp.it ℵ: 011
Fp.it 霊気: 018
Fp.it Vera: 033
Sesso:

Pennino flessibile. Quale?

Messaggio da Irishtales » mercoledì 2 ottobre 2019, 12:03

Hai davvero una "bella mano". E le foto sono davvero splendide.
Purtroppo non so aiutarti ad individuare una penna stilografica con punta flessibile per fare calligrafia. La mia preferita - una penna vintage di cui ho parlato qui - non la userei a quello scopo nemmeno sotto tortura.
Preferisco i pennini ad intinzione, ma è questione di gusti.
Spero che - una volta che avessi trovato la penna che incontra le tue aspettative - ci mostrerai i risultati "su carta" ;)
"Scrittura e pittura sono le due estremità della stessa arte e la loro realizzazione è identica" - Aforisma di Shitao
Daniela

Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 11078
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

Pennino flessibile. Quale?

Messaggio da piccardi » mercoledì 2 ottobre 2019, 18:45

Non esiste un modello di stilografica che sia sicuramente adatto alla tua richiesta, tranne forse una Waterman 7 o 5 Black, ma data la rarità del pezzo, non so quanto potrebbe essere adatta allo scopo, trovandosi di altrettanto se non meglio, a costi umani.

Questo per dire che quasi sempre (a parte l'eccezione precedente) chi fa la flessibilità è il pennino non la penna e ci sono Waterman 52 e Swan dure come dei chiodi. Inoltre per l'uso a scopo di calligrafia prendere una antica di una marca famosa ha solo l'inconveniente di farla costare di più, e non è neanche necessario avere un pennino d'oro, esistono dei flessibili in acciaio eccezionali.

Il problema in tutto questo è che se li cerchi su Ebay puoi solo trovarli per tentativi, l'unico modo sicuro è provare la penna, Per questo quello che ti consiglio è di venire ad un pen show (ce n'è uno a Roma il 12 ed uno a Bologna il 23 novembre), dove le penne potrai provarle e vedere se fanno al caso tuo.

Simone
PS i tuoi lavori sono davvero uno spettacolo, stracomplimenti!!
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758

Lamy
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 482
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Pennino flessibile. Quale?

Messaggio da Lamy » mercoledì 2 ottobre 2019, 21:04

I tuoi lavori sono spettacolari! Non mi intendo di pennini flessibili e non mi attirano particolarmente, ma ti auguro di trovare la penna adatta alle tue esigenze sperando di poter ammirare nuovamente queste composizioni stupende :clap:
Aurora 88P, Ero 201,Lamy Safari Petrol, Parker IM, Pelikan M205 Classic Black, Pilot 78G+.

aferrarini
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 113
Iscritto il: domenica 15 gennaio 2017, 12:28
La mia penna preferita: Lamy 2000
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

PENNINO FLESSIBILE QUALE?

Messaggio da aferrarini » mercoledì 2 ottobre 2019, 22:58

francoiacc ha scritto:
martedì 1 ottobre 2019, 21:21
NOTA: Attenzione la foto seguente è intesa solo a mostrare il grado di flessibilità del pennino al richiedente, non ad evidenziare le inadeguate doti calligrafiche e di fotografo :oops: :oops:

Io ti consiglierei anche una OMAS vintage con pennino Extra Lucens. Ci sono anche pennini OMAS Extra vintage flessibili, ma bisognerebbe provarli prima o chiedere al venditore, qualora acquistato online, una prova di scrittura. :wave:
Concordo su vintage Omas. Con un po' di fortuna si può trovare una 556 con pennino flessibile a costi ridotti (anche sui 100 euro). Devo dire una delle penne migliori, se non la migliore, a livello di scrittura, che abbia mai usato.

Avatar utente
BLACKLETTERS
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 24
Iscritto il: venerdì 27 settembre 2019, 16:09
La mia penna preferita: Montblanc Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku
Misura preferita del pennino: Flessibile

Pennino flessibile. Quale?

Messaggio da BLACKLETTERS » giovedì 3 ottobre 2019, 13:48

piccardi ha scritto:
mercoledì 2 ottobre 2019, 18:45
Non esiste un modello di stilografica che sia sicuramente adatto alla tua richiesta, tranne forse una Waterman 7 o 5 Black, ma data la rarità del pezzo, non so quanto potrebbe essere adatta allo scopo, trovandosi di altrettanto se non meglio, a costi umani.

Questo per dire che quasi sempre (a parte l'eccezione precedente) chi fa la flessibilità è il pennino non la penna e ci sono Waterman 52 e Swan dure come dei chiodi. Inoltre per l'uso a scopo di calligrafia prendere una antica di una marca famosa ha solo l'inconveniente di farla costare di più, e non è neanche necessario avere un pennino d'oro, esistono dei flessibili in acciaio eccezionali.

Il problema in tutto questo è che se li cerchi su Ebay puoi solo trovarli per tentativi, l'unico modo sicuro è provare la penna, Per questo quello che ti consiglio è di venire ad un pen show (ce n'è uno a Roma il 12 ed uno a Bologna il 23 novembre), dove le penne potrai provarle e vedere se fanno al caso tuo.

Simone
PS i tuoi lavori sono davvero uno spettacolo, stracomplimenti!!
Rispondo a questo messaggio ma ho letto e Continuo a leggere tutti i mex attentamente e valuto scrupolosamente le valide alternative, ne approfitto per continuare a ringraziare tutti per i complimenti e per le vostre risposte che anche nel piccolo mi aiutano.
Devo dire che le Omas extra Lucens sono favolose ho visto qualcosa online video e foto ...davvero belle mi hanno già solo conquistato per il design e per il pennino, sta SEMRPE il fatto dove trovarle .
Per quanto riguarda i penshow sono davvero davvero curioso , non ho partecipato mai a uno..e lo farei volentieri .
E’ possibile avere anche i privato più info sulle date in tutta Italia nelle diverse stagioni?
Forse queste di novembre non riesco proprio a esserci..un po’ per via degli esami (studio in Abruzzo) e un po’ perché proprio oggi sono stato ufficialmente invitato da montblanc a presidiare l’evento presso la boutique di Lecce ...come ospite speciale dove presenteranno e sarò io a testate e provare l’edizione Speciale calligraphy ...quindi dovrei fare su e giù tra Puglia w Abruzzo e avrei degli esami da dare a fine mese obbligatoriamente ...uff se potessi sdoppiarmi !
Quindi resto in attesa di maggiori info e posso dare la certezza che prima o poi parteciperò a questi eventi e spero di conoscere di persona qualcuno del forum !

Tra l’altro qualcuno conosce “Marco chiari”?(che poi a quanto ho intuito e’ Stefano Medici di Foto arT la sessa persona ) una fugata !
Il bravissimo recensore YouTube di penne ...e’ presente su questo gruppo?!

Rispondi