Il prossimo grande acquisto

Consigli, esperienze, raccomandazioni dagli utenti per gli utenti concernenti negozi e rivenditori.
Avatar utente
Punishers
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 37
Iscritto il: mercoledì 10 luglio 2019, 21:35
La mia penna preferita: Must de Cartier Trinity
Il mio inchiostro preferito: J. H. Améthyste de l'Oural
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da Punishers »

Peccato, mi ero fatto ingolosire dalla pro gear slim, edizione limitata, rosso supernova, tiratura limitata ad 800 pezzi, pennino in oro e chi più ne ha più ne metta... se però poi è bella ma non eccelsa, risulta un po' plasticosa, o allo stesso prezzo si può trovar qualcosa che scriva meglio, e per questo debba rivenderla pochi mesi o anni dopo (sono un po' fiscale, mi deve andar bene tutto)... meglio non comprarla affatto. Stesso discorso si applica alla 1911. Anche se magari lo sfizio di prenderle in mano dal vivo me lo tolgo.

Avatar utente
francoiacc
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2162
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Paragon Arco Bronze
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da francoiacc »

Aspetta un attimo, a parer mio sono penne plasticose e poco interessanti, ma ripeto non vanno meglio di una bea Aurora ma di scrivere scrivono bene, i giapponesi su questo non scherzano. :wave:
"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"
Francesco
Immagine

Avatar utente
Punishers
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 37
Iscritto il: mercoledì 10 luglio 2019, 21:35
La mia penna preferita: Must de Cartier Trinity
Il mio inchiostro preferito: J. H. Améthyste de l'Oural
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da Punishers »

francoiacc ha scritto:
domenica 3 novembre 2019, 18:50
Aspetta un attimo, a parer mio sono penne plasticose e poco interessanti, ma ripeto non vanno meglio di una bea Aurora ma di scrivere scrivono bene, i giapponesi su questo non scherzano. :wave:
Non lo metto in dubbio. La red supernova mi piace più della 1911 proprio per via della sua livrea, scriverà sicuramente bene, forse un po' meno del pennino 21KT, ma se dovesse risultarmi plasticosa (o avere altri difetti) mi dispiacerebbe aver speso (fatto spendere in realtà) tutti quei soldi... deve essermi gradevole in tutto, per evitare che dopo un po' possa stancarmi (vorrei tenermi ottime penne per tutta la vita). Da questo punto di vista forse la lamy 2000 potrebbe darmi qualche garanzia in più.

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da HoodedNib »

Punishers ha scritto:
domenica 3 novembre 2019, 18:56
francoiacc ha scritto:
domenica 3 novembre 2019, 18:50
Aspetta un attimo, a parer mio sono penne plasticose e poco interessanti, ma ripeto non vanno meglio di una bea Aurora ma di scrivere scrivono bene, i giapponesi su questo non scherzano. :wave:
Non lo metto in dubbio. La red supernova mi piace più della 1911 proprio per via della sua livrea, scriverà sicuramente bene, forse un po' meno del pennino 21KT, ma se dovesse risultarmi plasticosa (o avere altri difetti) mi dispiacerebbe aver speso (fatto spendere in realtà) tutti quei soldi... deve essermi gradevole in tutto, per evitare che dopo un po' possa stancarmi (vorrei tenermi ottime penne per tutta la vita). Da questo punto di vista forse la lamy 2000 potrebbe darmi qualche garanzia in più.
Hai tutte le ragioni di questo mondo a non voler spendere senza esserne sicuro MA un ragionamento come lo stai facendo (mi deve andare bene tutto) e' piuttosto difficile da reggere, quasi nessuna penna (o forse proprio nessuna) ha tutto che vada bene per tutti. Tutti quelli che ti stanno consigliando (me compreso) ti dicono le loro opinioni e come loro si trovano. Io per esempio ho una Pro Gear, una gran penna ma non e' la mia penna preferita che non sono sicuro di aver trovato ancora.
Ancora di piu' dopo questo discorsi ti consiglio caldamente di andare in un negozio e insistere per farti provare le penne che ti piacciono o quantomeno tenerle in mano.

Quanto al pennino, e' uno dei pezzi che vale di piu' nella qualita' di scrittura ma la stessa Lamy 2000, che posseggo, con un paio d'inchiostri non si e' comportata benissimo mentre con quello che c'e' adesso (un Noodler's Black) e' una penna veramente buona. E non ci sono dubbi che sia sempre la stessa penna eh. Voglio dire sicuramente l'inchiostro influisce meno del pennino ma ci sono penne che soffrono con certi inchiostri. Te lo dico non per mettere ulteriori elementi di valutazione ma per darti una visione piu' relativa dei problemi che ti stai ponendo.

Dal mio punto di vista ti direi di ascoltare recensioni e commenti (qui ed altrove), ti trovare tra quelle una penna che ti piace, andare in negozio e prenderla in mano, possibilmente scriverci due righe e solamente DOPO prenderla, visto che ti fai tutti questi dopotutto ragionevoli problemi.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Punishers
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 37
Iscritto il: mercoledì 10 luglio 2019, 21:35
La mia penna preferita: Must de Cartier Trinity
Il mio inchiostro preferito: J. H. Améthyste de l'Oural
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da Punishers »

È vero, sicuramente è come dici, quindi cercherò il mio miglior compromesso tra gusti, scrittura e finanze. Mi sarà solo un po' difficile riuscire a provarle dal vivo, ma magari ci riesco. Faccio certamente tesoro intanto delle vostre esperienze (e opinioni).

Lamy
Levetta
Levetta
Messaggi: 613
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Pilot MR
Il mio inchiostro preferito: GVFC Carbon Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da Lamy »

-
Edit: rimosso messaggio scortese.
Ultima modifica di Lamy il domenica 3 novembre 2019, 21:54, modificato 1 volta in totale.

sansenri
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 72
Iscritto il: mercoledì 27 gennaio 2016, 0:43
Fp.it Vera: 032
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da sansenri »

Se posso dire anche la mia, la Sailor pro gear è una bella penna.
Probabilmente con quel budget converrebbe cominciare da un'altra parte, però se hai a cuore i pennini fini allora ha più senso.
La Pro Gear ha anche delle belle finiture.
P1160436-3 Sailor Pro Gear.jpg

Avatar utente
francoiacc
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2162
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Paragon Arco Bronze
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da francoiacc »

Personalmente non ho mai avuto problemi di celluloidi che si sfasciano, ho dovuto lottare con penne che si aggirano sui 1000€ perché non scrivevano bene ma mai che si sono sfasciate in mano. Forte di queste esperienze cerco però di dare sempre un buon consiglio o una buona opinione a chi chiede senza sminuire o ridicolizzare le opinioni altrui, spero che altrettanto facciano gli altri. :wave:
"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"
Francesco
Immagine

Lamy
Levetta
Levetta
Messaggi: 613
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Pilot MR
Il mio inchiostro preferito: GVFC Carbon Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da Lamy »

Domando scusa per il messaggio scortese.
Volevo solo dire che l'aggettivo "plasticoso" ha una connotazione particolarmente negativa e fa sembrare le Sailor menzionate dei prodotti scarsi, quando non è così.

Avatar utente
francoiacc
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2162
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Paragon Arco Bronze
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da francoiacc »

francoiacc ha scritto:
domenica 3 novembre 2019, 18:18
Io invece ti sconsiglio caldamente la 1911 sia la standard che la large, è una banalissima penna plasticosa assolutamente senza personalità, se proprio vuoi una Sailor meglio la Pro Gear, almeno ha un design meno banale. Scrivono benissimo ma non meglio di una bella Aurora. :wave:
Io non credo che quel che ho scritto faccia sembrare ne più ne meno di quel che è una Sailor 1911, anche perché ne ho avuta una e l'ho tolta.
Lamy ha scritto:
domenica 3 novembre 2019, 22:01
Domando scusa per il messaggio scortese.
:thumbup: :thumbup: :wave:
"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"
Francesco
Immagine

Avatar utente
MaPe
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1469
Iscritto il: giovedì 24 marzo 2016, 2:32
La mia penna preferita: un giorno, forse, la troverò
Il mio inchiostro preferito: R&K Sepia
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da MaPe »

Punishers ha scritto:
sabato 2 novembre 2019, 22:10
Ciao a tutti,
come da titolo, vi chiedo consiglio su un mio prossimo acquisto di una penna stilografica.
Essendo entrato nel mondo delle stilografiche da pochi mesi, non ho ancora così ampie vedute che mi permettano di scegliere la giusta penna per un determinato budget a colpo sicuro, ma mi sto facendo pian piano le mie idee.
Il mio budget per l'acquisto è di circa 200€. Tra le penne che avevo preso in considerazione, ve ne sono due in particolare:
  • Sailor Pro Gear Slim 14KT
  • Sailor 1911 Standard 21KT
questo perché ne ho sentito parlare molto bene, in particolare della qualità dei loro pennini, specialmente nelle loro gradazioni più fini, come l'EF, che io tendo a preferire. Aggiungo che costruttivamente parlando non ho particolari richieste, se non che il corpo penna sia solido e piuttosto elegante, ovvero che non cada a pezzi o dia problemi particolari nel tempo (l'utilizzo che ne farei io è al momento scolastico). Purtroppo non avrei modo di provarle con mano in un negozio da qui a Natale, entro il quale dovrei concludere l'acquisto. Ciò che cerco è principalmente una piacevole qualità di scrittura, abbinata ad una buona ergonomia che mi consenta di usarla per diverse ore senza grande fastidio. Tenderei principalmente a cercare nel nuovo piuttosto che nell'usato.
Di quelle due penne in particolare, leggendo un po' di opinioni qui su internet ho riscontrato solamente come il pennino sailor 21KT restituisca una sensazione migliore di quella del 14KT, essendo in un certo modo un po' più "flessibile" (o morbido, in un certo senso) e che la sailor 1911 large sia costruttivamente più efficace della standard (però è fuori budget). In ogni caso la sailor pro gear slim sarebbe la meno preferibile del lotto. Ovviamente non parto con pregiudizi di sorta e sono disposto a valutare altre penne ed ascoltare le vostre opinioni ed esperienze in merito.
Posso solo confermare la bontà dei pennini Sailor sia in oro che in acciaio. La Pro Gear Slim riesco ad usarla solo calzando il cappuccio, mentre la 1911 Standard riesco ad usarla anche senza. La 1911 Standard col pennino 21K è difficile trovarla in Italia, è molto più facile trovare il pennino 14K. Il discorso cambia per la 1911 Large dove il pennino è solo 21K. Forse per dimensioni la 1911 Large la trovo più equilibrata, ma è una mia opinione personale. Ora viene la questione dolente, vale il prezzo proposto dai negozi italiani? Personalmente no. La ProGear e la 1911Standard è sui 150€ a salire e la 1911Large intorno ai 300€ salvo sconti. Se fossero proposte al prezzo del mercato giapponese allora ti direi di acquistarle senza nemmeno pensarci. Piccola parentesi, è vero il pennino della 21K è leggermente più morbido del 14K, dato anche del fatto che il pennino 21K della Large è più grande e di conseguenza le punte sono più lunghe rispetto al 14K.

Hai nominato la Lamy 2000, rientra nel tuo badget, ma considera che il pennino EF ha un tratto molto largo, anzi in fatto di larghezza fa concorrenza all ' EF Pelikan.

Da un po' di tempo sto apprezzando i pennini in acciaio della JoWo, specialmente quelli di misura #6 , ti consiglierei di valutare la TWSBI Vac700R.
Una penna che sto osservando da un po' e che sto valutando di prendere è la Opus 88 Demostrator, anche lei monta i pennini JoWo #6
Potrei consigliarti la Kaweco Elite e la Kaweco Dia2, le sto utilizzando da un po' e mi trovo molto bene.

Adesso che ci penso, dovrebbe rientrare nel tuo tetto di spesa la Pilot 92, penna a stantuffo con pennino in oro.

Comunque l'unico consiglio che posso darti è quello di provare le penne, anche leggendo i contributi di chi mi ha preceduto, la penna come molti altre oggetti danno sensazioni diverse da persona a persona. Anche solo poterla tenere tra le dita può darti la sensazione di come ti sta in mano e di solito nei negozi specializzati la prova per intinzione è concessa.


P.S. ti do un consiglio spassionato, per quando vai all'Università orientati verso tre ottime penne che costano poco: Platinum Preppy, Pilot Kakuno o Lamy Safari (Per la Safari ti consiglio di andare su eBay cerca i pennini "5pc Penna Pennini Stilografica 0.38mm Inossidabile per Wing Sung 3008 / Hero 359" costano meno di 2€ e vanno meglio dei pennini Lamy originali). Una penna costosa eviterei di portarla a lezione.
Massimo

Avatar utente
Cuneiforme
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 41
Iscritto il: venerdì 20 settembre 2019, 1:43
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da Cuneiforme »

Ciao,
io provo a buttare nella mischia una bella Platinum President. Presa dal Giappone costa circa sui 150$ per cui, aggiunte spese di spedizione e calcolando anche la dogana dovresti starci benissimo. Io ho sia F che B e sono molto soddisfatto. Probabilmente anche questa può darti la sensazione di "plasticone" come le Sailor. Ogni persona però ha gusti e sensazioni differenti per cui dovresti tastare direttamente con mano per avere una opinione. Per conto mio è promossa a pieni voti.
Per la stessa cifra sempre dal Giappone puoi trovare sia la Sailor 1911L che la Pro Gear. Sono tutti strumenti di scrittura eccellenti per cui vai sempre a colpo sicuro.
La Lamy 2000 è un altro must have. Qui hai ad un prezzo equo, pennino in oro, caricamento stantuffo, una sensazione tattile diversa dalle altre ed esteticamente si discosta dalle precedenti per originalità.
Per casa Pilot il mio consiglio è una Vanishing Point. Punti di forza: pennino, apertura/chiusura, linea. Unica pecca non porta converter capienti.
Prezzo in Italia intorno alla tua cifra limite, dal Giappone circa 100$ penna+spedizioni e poi un 25% circa per la dogana.
Su un grande sito mondiale di E-commerce infine puoi trovare in offerta la Lamy Dialog 3 che oltre ad essere uno strumento di scrittura può alla bisogna essere utilizzato come sfollagente. Utile per tenere i malintenzionati lontani dalla tua collezione personale :D .
Ora però sto divagando, spero di averti dato qualche spunto di riflessione in più.

Marco

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1959
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da HoodedNib »

Cuneiforme ha scritto:
lunedì 4 novembre 2019, 1:49

Su un grande sito mondiale di E-commerce infine puoi trovare in offerta la Lamy Dialog 3 che oltre ad essere uno strumento di scrittura può alla bisogna essere utilizzato come sfollagente. Utile per tenere i malintenzionati lontani dalla tua collezione personale :D .
Ah la famosa penna che si apre con TRE mani :lol:
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Punishers
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 37
Iscritto il: mercoledì 10 luglio 2019, 21:35
La mia penna preferita: Must de Cartier Trinity
Il mio inchiostro preferito: J. H. Améthyste de l'Oural
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da Punishers »

MaPe ha scritto:
lunedì 4 novembre 2019, 0:24

Da un po' di tempo sto apprezzando i pennini in acciaio della JoWo, specialmente quelli di misura #6 , ti consiglierei di valutare la TWSBI Vac700R.
Sono un po' a corto di conoscenze sui pennini e i loro costruttori, ma avendo già una twsbi diamond 580 in scuderia, ti chiederei se il pennino di cui stiamo parlando è lo stesso oppure no. Per il resto mi pare una bella penna, forse con un capacità del serbatoio ancora maggiore rispetto alla 580.
MaPe ha scritto:
lunedì 4 novembre 2019, 0:24
P.S. ti do un consiglio spassionato, per quando vai all'Università orientati verso tre ottime penne che costano poco: Platinum Preppy, Pilot Kakuno o Lamy Safari (Per la Safari ti consiglio di andare su eBay cerca i pennini "5pc Penna Pennini Stilografica 0.38mm Inossidabile per Wing Sung 3008 / Hero 359" costano meno di 2€ e vanno meglio dei pennini Lamy originali). Una penna costosa eviterei di portarla a lezione.
Per quanto riguarda le lezioni mi sono già attrezzato adeguatamente, portando con me le al-star, la pilot metropolitan ed una Jinhao, così che anche dovesse succedere qualcosa non sarebbe una grande perdita. Una penna più costosa invece mi servirebbe invece per fare il grosso del lavoro di scrittura, fuori da banchi (e poi fuori dall'università). Sfrutto poi il tuo consiglio sui pennini di ricambio perché gli originali sono diventati troppo rugosi per i miei gusti!
Cuneiforme ha scritto:
lunedì 4 novembre 2019, 1:49
Per casa Pilot il mio consiglio è una Vanishing Point. Punti di forza: pennino, apertura/chiusura, linea. Unica pecca non porta converter capienti.
Prezzo in Italia intorno alla tua cifra limite, dal Giappone circa 100$ penna+spedizioni e poi un 25% circa per la dogana.
Su un grande sito mondiale di E-commerce infine puoi trovare in offerta la Lamy Dialog 3 che oltre ad essere uno strumento di scrittura può alla bisogna essere utilizzato come sfollagente. Utile per tenere i malintenzionati lontani dalla tua collezione personale :D .
Ora però sto divagando, spero di averti dato qualche spunto di riflessione in più.

Marco
Prenderò in considerazione la vanishing point, altra penna che non conosco se non per fama. La lamy dialog 3 ad una prima occhiata mi pare invece un coltellino svizzero, sarà un po' difficile farmela piacere ma ci provo. :D

Avatar utente
francoiacc
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2162
Iscritto il: martedì 19 dicembre 2017, 23:29
La mia penna preferita: OMAS Extra Paragon Arco Bronze
Il mio inchiostro preferito: P.W. Akkerman #5 Shocking Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Capitale del Regno delle Due Sicilie
Sesso:

Il prossimo grande acquisto

Messaggio da francoiacc »

Non so se qualcuno te l'ha già suggerita, ma una Pelikan M400 o una M800? In negozio sono un po' al di sopra del tuo budget, molte volte su Amazon però si trovano fortemente scontate. :wave:
"E' sempre meglio vivere di rimorsi che di rimpianti"
Francesco
Immagine

Rispondi

Torna a “Consigli ed esperienze per gli acquisti”