FABER-CASTELL - NEO SLIM

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
bisguillo
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 149
Iscritto il: mercoledì 5 agosto 2015, 20:44
La mia penna preferita: Pilot 95s
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Torino
Contatta:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da bisguillo » domenica 24 febbraio 2019, 15:16

FABER-CASTEL – NEO SLIM

Ultima arrivata, ancora in “rodaggio”

ESTETICA E DESIGN - 8/10
Penna minimalista, in metallo laccato nero e pennino anch'esso molto scuro.
Nota di demerito per la marca serigrafata in bianco sul cappuccio; sembra quasi una penna pubblicitaria.
Ma forse è proprio questo, pubblicità all'azienda...

QUALITÀ COSTRUTTIVA - 9/10
La penna è solida e ben costruita, nessun gioco del cappuccio sulla chiusura a scatto.
La penna non scivola e la laccatura fa il suo dovere per rendere solida la presa.

SISTEMA DI CARICAMENTO - 10/10
La penna è a caricamento cartuccia/converter tradizionale super collaudato

PENNINO E PERFORMANCE - 7,5/10
Pennino F, in acciaio (brunito?) molto rigido e di forma particolare.
Visto di fianco si nota la curvatura verso il basso, abbassandosi un pochino rispetto all'asse orizzontale della penna.
Al momento ho notato delle false partenze anche dopo solo poche ore di inutilizzo. Aspettiamo a rodaggio avvenuto se tale difetto scomparirà.

CONCLUSIONI – 8,0/10
Semplice e per questo bella. Niente fronzoli ma tutta sostanza.
Abbassiamo un pochino il voto perchè lo spazio tra fusto e blocco pennino, dove la impugni per svitarla, è molto limitato. Alla prima ricarica mi sono ritrovato le dita tutte sporche di inchiostro, erano finire sul pennino.....
Allegati
P1030022.JPG
P1030023.JPG
P1030024.JPG
P1030026.JPG
P1030027.JPG

Avatar utente
Placo
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1124
Iscritto il: sabato 2 dicembre 2017, 18:48
La mia penna preferita: Sailor Professional Gear
Il mio inchiostro preferito: J. Herbin Eclat de Saphir
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da Placo » domenica 24 febbraio 2019, 15:29

Complimenti per la recensione! Sono penne che scrivono davvero bene!
«Ma solo le parole resistono
all’efferatezza delle stagioni».

Avatar utente
ctretre
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 217
Iscritto il: mercoledì 21 giugno 2017, 18:06
La mia penna preferita: Wing Sing 698
Il mio inchiostro preferito: Verde scuro
Misura preferita del pennino: Extra Fine

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da ctretre » domenica 24 febbraio 2019, 22:52

L'ho avuta per un po', funzionava bene ma non sono riuscito a farmela piacere non so perché. O meglio quel pennino scuro mi infastidiva... Alla prossima occasione prenderò una Ambition in legno. Il pennino EF (anche sulla Loom) restituisce un feedback leggero che dava l'impressione di scrivere con una mina H, quello F come si comporta?

bisguillo
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 149
Iscritto il: mercoledì 5 agosto 2015, 20:44
La mia penna preferita: Pilot 95s
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Torino
Contatta:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da bisguillo » lunedì 25 febbraio 2019, 18:01

Meno male che ognuno ha i suoi gusti. Il pennino nero per me è stato uno dei motivi dell'acquisto :D
Per il resto è come se tu avessi un mano una barra di ferro, un tutt'uno fusto/pennino.
Scrive senza fare alcuna pressione, scorrevolissima, e se lo fai hai l'unico risultato di piantare il pennino sulla carta.
I pennino è leggermente ricurvo verso il basso. E il tratto non cambia. É di una rigidità totale.
A me piace.

bisguillo
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 149
Iscritto il: mercoledì 5 agosto 2015, 20:44
La mia penna preferita: Pilot 95s
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Torino
Contatta:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da bisguillo » giovedì 2 gennaio 2020, 16:05

Dopo qualche tempo di uso confermo la recensione.
Molto fastidiosa la mancata partenza anche dopo solo 30 minuti di inutilizzo
pur se è chiusa con il cappuccio.
A proposito di cappuccio. Sotto la clip, nella parte alta si trova la scritta: CHINA :o
Vuol dire quello che penso? Che ho comprato una cinese?
Allegati
img faber neo.jpg

Avatar utente
sciumbasci
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 950
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Hero 616
Località: Reggio Emilia
Sesso:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da sciumbasci » giovedì 2 gennaio 2020, 16:38

Mi pare di ricordare che la normativa tedesca sia più stringente di quella italiana per quello che riguarda il marchio made in, tant'é che mentre da noi è richiesta la sola lavorazione del prodotto in italia, indipendentemente dal paese di origine del semilavorato - con il quale si può individuare anche una camicia già bella e pronta, cui manca solo l'apposizione dell'etichetta sul colletto - in Germania e nella vicina Svizzera è richiesta che almeno una percentuale della lavorazione o dei componenti sia superiore ad un limite prestabilito, sotto al quale non è made classificabile come Made in Germany o Swiss Made.
In sostanza: può essere cinese, non cambia molto. Sanno fare le stilografiche e, stando agli ultimi sviluppi, le fanno anche bene.

bisguillo
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 149
Iscritto il: mercoledì 5 agosto 2015, 20:44
La mia penna preferita: Pilot 95s
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Torino
Contatta:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da bisguillo » giovedì 2 gennaio 2020, 17:04

Ok.
Non ho nulla contro le cinesi, tant'è che sto aspettando una wing sung.
L'avrei anche comprata lo stesso. Solo che vorrei sapere cosa sto acquistando.
Adesso capisco anche la marchiatura serigrafata... L'avevo definita quasi pubblicitaria
ma mi sa che l'avevo azzeccata.
Onestamente mi sembra una "nazionalizzazione tedesca", che non mi sarei aspettato da una azienda
con il blasone della Faber Castell.
Comunque mi piace e se riesco a torgliere quel difetto della ripartenza diventa quasi perfetta.

Avatar utente
Gargaros
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 422
Iscritto il: giovedì 6 dicembre 2018, 3:54
La mia penna preferita: P.Plasir (dopo cambio pennino)
Il mio inchiostro preferito: Al gusto fragola!
Misura preferita del pennino: Extra Fine

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da Gargaros » giovedì 2 gennaio 2020, 18:28

bisguillo ha scritto:
giovedì 2 gennaio 2020, 17:04
Comunque mi piace e se riesco a torgliere quel difetto della ripartenza diventa quasi perfetta.
Hai provato con altri inchiostri? Io avevo questo problema con la prima Parker IM usando inchiostro proprietario. Praticamente anche non usandola un'ora si seccava tutto e dovevo scuoterla per farla ripartire. Con inchiostri R&K invece non è più successo. Può darsi però che abbia influito anche il fatto che l'abbia lavata prima di cambiare marca...

bisguillo
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 149
Iscritto il: mercoledì 5 agosto 2015, 20:44
La mia penna preferita: Pilot 95s
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Torino
Contatta:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da bisguillo » venerdì 3 gennaio 2020, 11:20

Devo provare a cambiare inchiostro allora.
Adesso uso il classico parker nero.
Posso anche caricarla con l'aurora nero.
Grazie della dritta.

Avatar utente
zoniale
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1655
Iscritto il: domenica 16 ottobre 2016, 13:48
La mia penna preferita: Tutte, troppe, anni '40 - '60
Il mio inchiostro preferito: avatar by Ooti
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Varese
Sesso:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da zoniale » venerdì 3 gennaio 2020, 13:44

bisguillo ha scritto:
giovedì 2 gennaio 2020, 16:05
A proposito di cappuccio. Sotto la clip, nella parte alta si trova la scritta: CHINA :o
Vuol dire quello che penso? Che ho comprato una cinese?
No. No. Non ti preoccupare.
In inglese china vuol dire porcellana.
Hai una penna in porcellana prototta in kloriosa Cermania. ;)
Michele

bisguillo
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 149
Iscritto il: mercoledì 5 agosto 2015, 20:44
La mia penna preferita: Pilot 95s
Il mio inchiostro preferito: Aurora Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Torino
Contatta:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da bisguillo » venerdì 3 gennaio 2020, 16:25

A meno che non voglia dire che bisogna usare inchiostro di china per evitare le false partenze.... :lol:

Pelikanino
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 60
Iscritto il: martedì 27 agosto 2019, 13:25
La mia penna preferita: Pelikan m405
Il mio inchiostro preferito: Herbin verde emporio
Misura preferita del pennino: Stub
Sesso:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da Pelikanino » sabato 4 gennaio 2020, 9:40

sciumbasci ha scritto:
giovedì 2 gennaio 2020, 16:38
Mi pare di ricordare che la normativa tedesca sia più stringente di quella italiana per quello che riguarda il marchio made in, tant'é che mentre da noi è richiesta la sola lavorazione del prodotto in italia, indipendentemente dal paese di origine del semilavorato - con il quale si può individuare anche una camicia già bella e pronta, cui manca solo l'apposizione dell'etichetta sul colletto - in Germania e nella vicina Svizzera è richiesta che almeno una percentuale della lavorazione o dei componenti sia superiore ad un limite prestabilito, sotto al quale non è made classificabile come Made in Germany o Swiss Made.
In sostanza: può essere cinese, non cambia molto. Sanno fare le stilografiche e, stando agli ultimi sviluppi, le fanno anche bene.
Eh, non ci avevo mai fatto caso e sono andato a controllare il mio esemplare: la scritta "China" c'è anche sul mio. Adesso capisco perché la Neo Slim scrive meno bene delle mie altre Faber-Castell :lol: :lol: :lol:

Sono andato a controllare anche le mie altre Faber-Castell: sul fermaglio sia della e-Motion che della Ondoro si legge inciso un bel "Germany". E infatti costano di più e scrivono meglio della Slim. Su Ambition, Essentio e Loom invece non trovo alcuna scritta, a parte il marchio Faber-Castell.

Inutile dire che sul cappuccio delle Graf c'è scritto "handmade in Germany" ;) (con quello che costano...)

Sulla questione delle false partenze, aggiungo che secondo me più probabilmente è una questione di come è fatto il cappuccio e il design costruttivo della penna (che fa in modo che si asciughi l'inchiostro nel converter).

merloplano
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 81
Iscritto il: mercoledì 3 gennaio 2018, 15:36
La mia penna preferita: kafka
Il mio inchiostro preferito: eau de nile
Misura preferita del pennino: Medio
Sesso:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da merloplano » sabato 4 gennaio 2020, 17:49

loom cap.jpg
gia' postata altrove..

Avatar utente
sciumbasci
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 950
Iscritto il: venerdì 23 ottobre 2015, 11:58
La mia penna preferita: Hero 616
Località: Reggio Emilia
Sesso:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da sciumbasci » domenica 5 gennaio 2020, 10:02

merloplano ha scritto:
sabato 4 gennaio 2020, 17:49
loom cap.jpg

gia' postata altrove..

:lol: però così affondiamo una azienda che fino ad ora ha sempre cercato di dare il massimo come esperienza di scrittura a costi appena superiori a Lamy.

Avatar utente
Linos
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 359
Iscritto il: sabato 12 agosto 2017, 9:48
La mia penna preferita: Aurora 88 (Nizzoli)
Località: Asti
Sesso:

FABER-CASTELL - NEO SLIM

Messaggio da Linos » domenica 5 gennaio 2020, 10:24

zoniale ha scritto:
venerdì 3 gennaio 2020, 13:44
bisguillo ha scritto:
giovedì 2 gennaio 2020, 16:05
A proposito di cappuccio. Sotto la clip, nella parte alta si trova la scritta: CHINA :o
Vuol dire quello che penso? Che ho comprato una cinese?
No. No. Non ti preoccupare.
In inglese china vuol dire porcellana.
Hai una penna in porcellana prototta in kloriosa Cermania. ;)
Mi risulta che in lingua tedesca significhi porcellana :)

Rispondi