KWZ Warsaw Dreaming

Le recensioni: impressioni d'uso e valutazioni direttamente dagli utenti
Rispondi
Avatar utente
Rodelinda
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 463
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

KWZ Warsaw Dreaming

Messaggio da Rodelinda » giovedì 10 ottobre 2019, 23:18

Ciao a tutti!
Torno su questi schermi con la mia prima recensione di un inchiostro della Casa KWZ, impresa polacca artigianale che produce un vasto range di inchiostri, anche ferrogallici, di elevata qualità e in genere eccellenti sia per saturazione che per shading/sheen, poco problematici e assai affidabili.
Una caratteristica affascinante della KWZ è che le formulazioni sono pensate per avere un gradevole profumo, spesso corrispondente con il colore (ad esempio, il KWZ Honey profuma di miele). Non sono espressamente aromatizzati: semplicemente, gli elementi chimici e i pigmenti sono concepiti per avere un odore gradevole, spesso non penetrante.
Il KWZ Warsaw Dreaming emana un aroma vanigliato e leggero, come quello dell'impasto della torta margherita.

Ero alla ricerca di un blu-nero scuro, intenso, ma con uno shading: diciamo, più un nero con sfumature. Il KWZ Warsaw Dreaming è un viola-nero, ricco di sottotono. Nel suo genere è unico e davvero affascinante: quindi il colore è quello giusto, niente da dire.
Tuttavia, questo inchiostro è denso, molto. Impiega due o tre giorni per impregnare per bene l'alimentatore di una penna, e sconsiglio di usarlo su quelle con flusso scarso e pennino fine, perché crea molte false partenze. Si può ovviare al problema con stilografiche dotate di pennino largo (il cui tratto apparirà ridotto) ed alimentatore efficiente, su carta non troppo liscia: però, se cercate un inchiostro dall'uso quotidiano, forse proprio per la necessaria compresenza di questi requisiti non è molto adatto.
In più, asciuga con estrema lentezza: dopo vari minuti è ancora possibile che si crei un piccolo alone, specie se avete le mani anche solo leggermente sudate. Dal momento che dà il suo meglio su pennini larghi, anche questo rischia di creare disturbo.

Insomma, è un inchiostro dal colore bellissimo, interessante, e anche abbastanza economico (una boccetta da 60 ml cosa circa 10 euro). Ma ha anche diversi nei - nei piuttosto grossi - che mi hanno condotto a votarlo come "scarso". Anche perché il colore invita a un uso quotidiano... ma come diavolo fai a usarlo tutti i giorni, se per non avere problemi devi aspettare l'allineamento delle lune di Giove con il fermaglio della tua penna che creino la congiunzione astrale che...

KWZ Warsaw Dreaming 1.jpg
Prova su carta Pigna Architetto, 100 gr.
KWZ Warsaw Dreaming 2.jpg
Prova su carta da fotocopie riciclata, 75 gr.
KWZ Warsaw Dreaming 3.jpg
Prova su carta di quaderno a quadretti Cartorama Store
KWZ Warsaw Dreaming 4.jpg
Particolare dello shading

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1632
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

KWZ Warsaw Dreaming

Messaggio da HoodedNib » venerdì 11 ottobre 2019, 7:26

Ho questo inchiostro (potrei perfino avertene mandato un campione a tempi che furono) e sottoscrivo ogni riga di quello che hai detto. Per adesso non ce l'ho su nessuna penna, sto pensando se e' il caso di dargli il trattamento che ho fatto al Baystate blue, ovvero diluirlo leggermente per limare alcuni dei comportamenti che tu hai detto e che ho visto anche io
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
Rodelinda
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 463
Iscritto il: lunedì 9 aprile 2018, 23:10
La mia penna preferita: L'Aurora Hastil!
Il mio inchiostro preferito: Quello che non ho ancora!
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Hinterland Milanese
Sesso:
Contatta:

KWZ Warsaw Dreaming

Messaggio da Rodelinda » venerdì 11 ottobre 2019, 10:18

HoodedNib ha scritto:
venerdì 11 ottobre 2019, 7:26
Ho questo inchiostro (potrei perfino avertene mandato un campione a tempi che furono) e sottoscrivo ogni riga di quello che hai detto. Per adesso non ce l'ho su nessuna penna, sto pensando se e' il caso di dargli il trattamento che ho fatto al Baystate blue, ovvero diluirlo leggermente per limare alcuni dei comportamenti che tu hai detto e che ho visto anche io
Il lato positivo è che è indubbiamente adatto alle penne troppo abbondanti, tipo le vintage, visto che comunque è facile da sciacquare.
Comunque no, mi mandasti il Walk over Vistula, che devo ancora caricare per fare una recensione di gruppo sui blu con sheen, tipologia di inchiostri che ultimamente va di gran moda.

Avatar utente
Mauro78
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 257
Iscritto il: giovedì 7 settembre 2017, 13:45
La mia penna preferita: Pelikan 405 Stresemann
Il mio inchiostro preferito: Waterman Serenity Blue
Misura preferita del pennino: Medio
Località: Marche
Sesso:

KWZ Warsaw Dreaming

Messaggio da Mauro78 » venerdì 11 ottobre 2019, 10:33

Ho anche io questo inchiostro e confermo tutte le impressioni e le caratteristiche di cui alla recensione. Pensavo infatti di caricarlo e provarlo su una Pelikan m405 proprio per ridurne il flusso.
"La penna è la lingua dell'anima" - Miguel de Cervantes

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1632
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

KWZ Warsaw Dreaming

Messaggio da HoodedNib » venerdì 11 ottobre 2019, 11:50

Rodelinda ha scritto:
venerdì 11 ottobre 2019, 10:18
HoodedNib ha scritto:
venerdì 11 ottobre 2019, 7:26
Ho questo inchiostro (potrei perfino avertene mandato un campione a tempi che furono) e sottoscrivo ogni riga di quello che hai detto. Per adesso non ce l'ho su nessuna penna, sto pensando se e' il caso di dargli il trattamento che ho fatto al Baystate blue, ovvero diluirlo leggermente per limare alcuni dei comportamenti che tu hai detto e che ho visto anche io
Il lato positivo è che è indubbiamente adatto alle penne troppo abbondanti, tipo le vintage, visto che comunque è facile da sciacquare.
Comunque no, mi mandasti il Walk over Vistula, che devo ancora caricare per fare una recensione di gruppo sui blu con sheen, tipologia di inchiostri che ultimamente va di gran moda.
Ecco, dopo averlo scritto mi aveva assalito il dubbio e avevo torto :D
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Rispondi