Consiglio nuovo acquisto stilografico

Consigli, esperienze, raccomandazioni dagli utenti per gli utenti concernenti negozi e rivenditori.
WallaceM
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 62
Iscritto il: martedì 29 ottobre 2013, 1:21
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Emilia-Romagna

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da WallaceM » giovedì 17 ottobre 2019, 20:58

Buonasera,
in questi giorni, sto pensando di aggiungere una nuova stilografica alla collezione. Essendo un po' deluso da Pelikan M1000 (nonostante ne abbia ordinate due, entrambe presentavano i medesimi difetti, pennino non centrato sull'alimentatore e righe verde, nel punto di congiunzione, non tagliate perfettamente), vorrei una Stilografica che fosse "tendenzialmente esente da difetti di questo tipo". Ora, so benissimo che è tecnicamente impossibile che ciò si avveri, ma è un modo per sintetizzare vari aspetti che vorrei ritrovare. Mi affascinano molto le moderne YardOLed oppure Onoto (seppure legga commenti a volte discordanti dall'essere perfette) ma non saprei. Chi mi può dare suggentimenti? Grazie mille

Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1541
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da ASTROLUX » venerdì 18 ottobre 2019, 20:06

WallaceM ha scritto:
giovedì 17 ottobre 2019, 20:58
Buonasera,
in questi giorni, sto pensando di aggiungere una nuova stilografica alla collezione. Essendo un po' deluso da Pelikan M1000 (nonostante ne abbia ordinate due, entrambe presentavano i medesimi difetti, pennino non centrato sull'alimentatore e righe verde, nel punto di congiunzione, non tagliate perfettamente), vorrei una Stilografica che fosse "tendenzialmente esente da difetti di questo tipo". Ora, so benissimo che è tecnicamente impossibile che ciò si avveri, ma è un modo per sintetizzare vari aspetti che vorrei ritrovare. Mi affascinano molto le moderne YardOLed oppure Onoto (seppure legga commenti a volte discordanti dall'essere perfette) ma non saprei. Chi mi può dare suggentimenti? Grazie mille
Una giapponese ? Pilot Justus.

Avatar utente
king91
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 142
Iscritto il: sabato 7 gennaio 2012, 14:33
La mia penna preferita: MB Ernest Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Colorverse Black Hole
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Genova

Consiglio nuovo acquisto stilograficoè

Messaggio da king91 » sabato 19 ottobre 2019, 0:26

WallaceM ha scritto:
giovedì 17 ottobre 2019, 20:58
Buonasera,
in questi giorni, sto pensando di aggiungere una nuova stilografica alla collezione. Essendo un po' deluso da Pelikan M1000 (nonostante ne abbia ordinate due, entrambe presentavano i medesimi difetti, pennino non centrato sull'alimentatore e righe verde, nel punto di congiunzione, non tagliate perfettamente), vorrei una Stilografica che fosse "tendenzialmente esente da difetti di questo tipo". Ora, so benissimo che è tecnicamente impossibile che ciò si avveri, ma è un modo per sintetizzare vari aspetti che vorrei ritrovare. Mi affascinano molto le moderne YardOLed oppure Onoto (seppure legga commenti a volte discordanti dall'essere perfette) ma non saprei. Chi mi può dare suggentimenti? Grazie mille
Mmm strano la mia m1000 va benissimo ...assistenza pelikan è una delle migliori !
Se vuoi una penna sullo stesso stile oversize ti posso consigliare un OMAS 360 se riesci a trovarla oppure una mB149

WallaceM
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 62
Iscritto il: martedì 29 ottobre 2013, 1:21
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Emilia-Romagna

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da WallaceM » sabato 19 ottobre 2019, 0:32

Di M1000 ne ho una in assitenza perché il pennino emette un "cling" così ne ho presa un'altra ma pennino non centrato sull'alimentatore e striature tagliate non benissimo, richiesta sostituzione..stessa identica situazione. Vabbè Pelikan non ha da essere e così mi intrigavano le inglesi

Avatar utente
king91
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 142
Iscritto il: sabato 7 gennaio 2012, 14:33
La mia penna preferita: MB Ernest Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Colorverse Black Hole
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Genova

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da king91 » sabato 19 ottobre 2019, 0:43

WallaceM ha scritto:
sabato 19 ottobre 2019, 0:32
Di M1000 ne ho una in assitenza perché il pennino emette un "cling" così ne ho presa un'altra ma pennino non centrato sull'alimentatore e striature tagliate non benissimo, richiesta sostituzione..stessa identica situazione. Vabbè Pelikan non ha da essere e così mi intrigavano le inglesi
Bhe onoto come tradizione ne ha da vendere e le penne sono stupende :D Però i prezzi sono altissimi :cry: non ne ho mai vista una dal vivo quindi non so consigliarti

WallaceM
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 62
Iscritto il: martedì 29 ottobre 2013, 1:21
Misura preferita del pennino: Flessibile
Località: Emilia-Romagna

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da WallaceM » sabato 19 ottobre 2019, 11:21

Della Yard o Led che ne pensate?

Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1541
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da ASTROLUX » sabato 19 ottobre 2019, 15:48

WallaceM ha scritto:
sabato 19 ottobre 2019, 11:21
Della Yard o Led che ne pensate?
Che questo tipo di penne è meglio comprarle vintage...almeno hanno un senso.

Hai visto in casa Aurora ?

Avatar utente
king91
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 142
Iscritto il: sabato 7 gennaio 2012, 14:33
La mia penna preferita: MB Ernest Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Colorverse Black Hole
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Genova

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da king91 » sabato 19 ottobre 2019, 18:05

WallaceM ha scritto:
sabato 19 ottobre 2019, 11:21
Della Yard o Led che ne pensate?
In mio parere sinceramente non mi piacciono ... non hanno nulla di speciale! La viceroy standard costa circa 1000€ ed è a cartucce / converter 😅 !
Questa è la mia personale opinione poi se vuoi una penna inglese è un altro discorso ma con 1000€ puoi prenderne di molto meglio... a volte basta guardarsi qui in Italia guarda le Armando Simoni e poi fammi sapere :mrgreen:( la gladiatore è pazzesca)

Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1541
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da ASTROLUX » sabato 19 ottobre 2019, 18:37

king91 ha scritto:
sabato 19 ottobre 2019, 18:05
WallaceM ha scritto:
sabato 19 ottobre 2019, 11:21
Della Yard o Led che ne pensate?
In mio parere sinceramente non mi piacciono ... non hanno nulla di speciale! La viceroy standard costa circa 1000€ ed è a cartucce / converter 😅 !
Questa è la mia personale opinione poi se vuoi una penna inglese è un altro discorso ma con 1000€ puoi prenderne di molto meglio... a volte basta guardarsi qui in Italia guarda le Armando Simoni e poi fammi sapere :mrgreen:( la gladiatore è pazzesca)
Ehh...si. Queste sono davvero belle. :clap:

Lamy
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 482
Iscritto il: venerdì 9 febbraio 2018, 19:36
La mia penna preferita: Aurora 88P
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Milano
Sesso:

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da Lamy » sabato 19 ottobre 2019, 19:16

Io non ho mai provato una Yard O' Led però il fatto che le penne di questa marca siano in argento massiccio per me è un grandissimo vantaggio Di certo non spenderei mai 1000€ per una plastica Arco o una resina preziosa, sia essa di Montblanc o realizzata da Pelikan. Alla fine la plastica è plastica qualunque nome o fantomatica proprietà le si attribuisca, l'argento è ben altra cosa ed ha un valore intrinseco reale. Io comprerei, con quel bel gruzzoletto, una Aurora 88 in argento massiccio oppure una Sailor 1911 sempre in argento massiccio (vista al penshow di Milano 2019). Sottolinea che una Aurora 98 in argento può essere acquistata a molto meno di tutte quelle penne di plastica tanto blasonate. Tra le altre cose per me il pistone non è superiore al converter, soprattutto perché quando si rompe il converter basta comprarne un altro. Se si rompe il pistone beh auguri ;)
Aurora 88P, Ero 201,Lamy Safari Petrol, Parker IM, Pelikan M205 Classic Black, Pilot 78G+.

Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1541
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da ASTROLUX » sabato 19 ottobre 2019, 20:27

Lamy ha scritto:
sabato 19 ottobre 2019, 19:16
Io non ho mai provato una Yard O' Led però il fatto che le penne di questa marca siano in argento massiccio per me è un grandissimo vantaggio Di certo non spenderei mai 1000€ per una plastica Arco o una resina preziosa, sia essa di Montblanc o realizzata da Pelikan. Alla fine la plastica è plastica qualunque nome o fantomatica proprietà le si attribuisca, l'argento è ben altra cosa ed ha un valore intrinseco reale. Io comprerei, con quel bel gruzzoletto, una Aurora 88 in argento massiccio oppure una Sailor 1911 sempre in argento massiccio (vista al penshow di Milano 2019). Sottolinea che una Aurora 98 in argento può essere acquistata a molto meno di tutte quelle penne di plastica tanto blasonate. Tra le altre cose per me il pistone non è superiore al converter, soprattutto perché quando si rompe il converter basta comprarne un altro. Se si rompe il pistone beh auguri ;)
Bisogna considerare però che l'argento NON E' oro, oggi la quotazione dell'argento è 50 centesimi al grammo, mentre l'oro è quotato circa 43 euro al grammo. un rapporto di quasi 1 a 100!
Questo significa che una penna che pesa 30 -40 grammi, anche se fosse tutta in argento varrebbe a peso 20 euro.
Normalmente quel che fa salire un la quotazione dell'argento al dettaglio è la sua lavorazione, se eseguita a mano al cesello oppure a sbalzo.
Tutto sommato il prezzo della materia non si discosta poi tanto dalle resine "preziose", considerandolo in rapporto al costo di 1000 euro della penna... Direi che anche in questo caso non si paga il valore intrinseco, ma il lusso che l'oggetto rappresenta.

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1622
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da HoodedNib » sabato 19 ottobre 2019, 22:42

Lamy ha scritto:
sabato 19 ottobre 2019, 19:16
Se si rompe il pistone beh auguri ;)
Insomma la Lamy lo ripara, la Pelikan lo ripara e per dire i primi due che mi vengono in mente, se non lo riparano loro ci sono dei riparatori che possono metterci mano (anche qui ne abbiamo) e quindi ci sono i professionisti della riparazione vera e propria.

Poi non sto discutendo sul fatto che questo sia superiore a quello eh.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Avatar utente
king91
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 142
Iscritto il: sabato 7 gennaio 2012, 14:33
La mia penna preferita: MB Ernest Hemingway
Il mio inchiostro preferito: Colorverse Black Hole
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Genova

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da king91 » domenica 20 ottobre 2019, 2:29

Concordo con astrolux al cento x cento... L argento oggi non vale più di qualche celluloide o resina impreziosita, ormai è L oggetto in quanto tale che rappresenta un costo.
D’altronde come ho scritto spesso una maglia Gucci costa tanto perché è Gucci quando potrebbe costare benissimo come una maglietta di Zara.
Tralasciando sempre le sempre solite discussioni😒, non sono di nuovo d’ accordo su quanto detto sul converter: piston filler tutta la vita!😏. A prescindere dalla penna che si acquista il pistone possiede sempre un tipo di fascino e di lavorazione maggiore nella struttura e ideazione della penna che un semplice pezzo di plastica con una siringa.non voglio sminuire il converter ( ne ho tante )ma questo secondo me accresce il valore della penna. Poi la maggior parte delle penne hanno assistenza!

P.S : Basta pensare sempre tutte le volte che si acquista una penna al quando“ si romperà “ un po’ di ottimismo signori :D
A presto

Avatar utente
Giorgio1955
Levetta
Levetta
Messaggi: 561
Iscritto il: sabato 28 settembre 2013, 16:06
La mia penna preferita: ←Ancora --- Zerollo→
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 black
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 030
Località: Galatina (LE)
Sesso:

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da Giorgio1955 » domenica 20 ottobre 2019, 7:00

Tanto per non fare nomi, quando Delta cominciò la produzione di stilografiche lo fece con penne in argento massiccio e pennino in acciaio.
Delta.jpg
Lo spirito era, allora, di produrre una penna in materiale ritenuto dai più nobile, ma senza grande anima. Oggi nessuno si ricorda più di questa tipologia di penne da gioielleria. Tutti gli appassionati conoscono invece questa, che non è in plastica ma in celluloide.
Omas.jpg
Saluti
Giorgio

Avatar utente
ASTROLUX
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1541
Iscritto il: sabato 21 aprile 2018, 12:18
La mia penna preferita: La prossima
Il mio inchiostro preferito: Il prossimo
Località: Napoli
Sesso:

Consiglio nuovo acquisto stilografico

Messaggio da ASTROLUX » domenica 20 ottobre 2019, 10:00

Giorgio1955 ha scritto:
domenica 20 ottobre 2019, 7:00
Tanto per non fare nomi, quando Delta cominciò la produzione di stilografiche lo fece con penne in argento massiccio e pennino in acciaio.Delta.jpg Lo spirito era, allora, di produrre una penna in materiale ritenuto dai più nobile, ma senza grande anima. Oggi nessuno si ricorda più di questa tipologia di penne da gioielleria. Tutti gli appassionati conoscono invece questa, che non è in plastica ma in celluloide. Omas.jpg Saluti
Alla mia prima comunione, credo fosse verso la metà del giurassico :lol: , cioè negli anni 70; ricevetti in dono, alcune penne biro in argento (finite chissà dove), erano simbolo di un ritrovato benessere che tendeva ad impreziosire anche gli oggetti di uso comune.
Fu un grande ritorno all'argento, nei monili, nei servizi da tavola, nelle cornici delle foto. Un preludio al sogno edonistico degli anni 80, con l'apoteosi dell'oro. Oggi ci siamo scoperti minimalisti, con la modesta sobrietà dell'acciaio e della plastica, oppure forse siamo ad un punto in cui le risorse scarseggiano e qualcuno ha cominciato a rastrellare il nobile metallo, facendone schizzare le quotazioni....in previsione di tempi più duri. :roll:

Rispondi