Consigli sinceri.

Recensioni, impressioni sull'uso, discussioni, sul più straordinario strumento di scrittura!
Alexrico
Converter
Converter
Messaggi: 11
Iscritto il: domenica 19 gennaio 2020, 19:13

Consigli sinceri.

Messaggio da Alexrico » giovedì 6 febbraio 2020, 21:19

Ciao a tutti!
Mi sono iscritto a questo forum qualche giorno fa. Sono stato poco utile per gli altri iscritti, perché non ho fatto nessuna recensione e tanto meno ho trasmesso qualche mia esperienza. In realtà anche se posseggo qualche stilografica ( o perché perché mi sono state regalate o perché mi sono fatto condizionare dalla mia passione di scrivere con una stilo e sopratutto da qualche recensione su YouTube e qualcuna la ho acquistata, s',jono appena un principiante. Ho studiato e letto i vari commenti degli esperti. Mi sento però confuso più che altro. Ogni penna mi è sembrato di capire ha un suo fascino e una sua identità a prescindere dal valore monetario, ossia quanto costa per acquistarla. Il valore vero è quello che ciascuno attribuisce a quell.oggetto, che prescinde dal valore monetario. Però tenere in mano e scrivere con una Montblanc è molto diverso che tenere in mano per esempio una Lamy Safari. Entrambi ti trasmettono delle emozioni, ma sono emozioni molto differenti . Se tieni in mano una Lamy Safari e scrivi, sicuramente se sei un appassionato ti emozioni. Se però impugni e scrivi con una Montblanc senti di aver provato il massimo livello qualitativo e ti senti pieno, appagato.{il rischio è di andare alla ricerca della tua penna ideale per tutta la vita e probabilmente non trovarla mai.
Per evitare di cercare tutta la vita la mia penna ideale vi chiedo un consiglio: colore arancione, qualità costruttiva ed estetica molto elevata ( il mio sogno sarebbe la Montblanc Hemingway, ma non posso permettermela). Cosa mi consigliereste per spegnere la scimmia degli acquisti compulsivi alla ricerca del meglio.. puntando su una penna che diventi parte di me, senza sentire il bisogno di averne 50 magari di qualità medio scadente?
Grazie a chi vorrà aiutarmi a chiarire le idee.
Alexrico

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1891
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Consigli sinceri.

Messaggio da HoodedNib » giovedì 6 febbraio 2020, 21:27

Brutta domanda questa, la domanda e' brutta perche' e' personale, ognuno ti risponde come vuole lui.

Se hai gia' la scimmia la penna perfetta non esiste e non esiste in realta' nemmeno se non ce l'hai.

Poi avrei da dire qualcosa circa le Montblanc che per me non sono tutto questo pregio e pur essendo penne ottime in generale non mi dicono molto.

Ancora dai un'indicazone piuttosto vaga di cosa vorresti che ci sta anche ma se ci dai anche un'orientamento piu' preciso su quanto vuoi spendere...
Se vuoi penne arancioni ti consiglierei di guardare in Amazzonia (non e' il posto giusto questa sezione per dar link) e cercare Pelikan di quel colore, ce ne dovrebbero essere un paio che ti potrebbero interessare. Altro non posso dire.
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Maruska
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2287
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Fine
Località: imperia (provincia)
Sesso:

Consigli sinceri.

Messaggio da Maruska » giovedì 6 febbraio 2020, 22:06

ti rispondo come HoodedNib, e comunque a parte il colore arancione, io una Pelikan (M400/M600/M800) la posso consigliare ad occhi chiusi SEMPRE
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Pelikanino
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 64
Iscritto il: martedì 27 agosto 2019, 13:25
La mia penna preferita: Pelikan m405
Il mio inchiostro preferito: Herbin verde emporio
Misura preferita del pennino: Stub
Sesso:

Consigli sinceri.

Messaggio da Pelikanino » giovedì 6 febbraio 2020, 22:26

P e l i k a n m 6 0 0 v i b r a n t o r a n g e

una goduria :angel:

Alexrico
Converter
Converter
Messaggi: 11
Iscritto il: domenica 19 gennaio 2020, 19:13

Consigli sinceri.

Messaggio da Alexrico » venerdì 7 febbraio 2020, 6:59

Grazie a chi mi ha risposto.
La penna è il regalo di matrimonio- possibilità di spesa minimo € 400,00; massimo € 1000,00. Il colore arancione è il preferito, ma non è vincolante per l’acquisto. Il riferimento (irraggiungibile è la Hemingway), ma non per forza deve essere una Montblanc.
Per quanto riguarda le risposte so benissimo che chiunque da un consiglio parte dai suoi gusti personali, dalle sue esperienze,dalla propria capacità di spendere, dal valore reale che attribuisce ad un oggetto come una stilografica .
Buona giornata a tutti.
Alexrico

Il tentativo paga l’esistenza ( Jean Paul Sartre)

Avatar utente
Gargaros
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 451
Iscritto il: giovedì 6 dicembre 2018, 3:54
La mia penna preferita: P.Plasir (dopo cambio pennino)
Il mio inchiostro preferito: Al gusto fragola!
Misura preferita del pennino: Extra Fine

Consigli sinceri.

Messaggio da Gargaros » venerdì 7 febbraio 2020, 7:13

Non ho mai tenuto in mano una Montblanc... Presumo che quando mi capiterà piangerò di gioia per cinque giorni di seguito...

Comunque secondo me è una mera questione di percezione distorta dal prezzo, non di qualità. Sai che una penna è costosissima, ne consegue la sensazione che sia anche migliore di tante altre in quello che deve fare (appunto scrivere). Se ti mettessero di fronte due penne anonime (e di marche "serie"), una economica l'altra costosissima, secondo me avresti qualche difficoltà a decidere quale è quella più costosa. A parità di materiali e di caratteristiche, ovviamente.

Per esempio, io non saprei decidere se vale più una Platinum Balance rispetto a una Pineider Avatar o viceversa. Prendiamo le penne in resina trasparente, senza colori, pennini in acciaio rigidi... L'una qualità giapponese, l'altra italiana. Ma una costa poco più di 30 euro, l'altra parecchio sopra i 100... Il prezzo non è un indice affidabile, insomma. Certe marche costano tanto appunto perché sono marche rinomate, non perché hanno delle procedure di fabbricazione più certosine o strumenti più precisi e raffinati...

Poi la percezione modifica anche le sensazioni associate alla scrittura... A me è capitato con la Prefounte. Si tratta di una Preppy quasi in tutto e per tutto, eppure siccome la trovo molto più bella, la trovo anche più comoda da usare... Sono consapevole che si tratta di un'impressione senza basi oggettive, eppure scrivo con più piacere usando la Prefounte che non la Preppy...

Quindi, ricapitolando, il prezzo non ci azzecca quasi niente.

Comunque, è solo il mio parere. Per altro non posso dirmi più esperto di te.

Venendo al consiglio che cerchi, premettendo che nessuno può darti IL consiglio, quello cioè che ti porta a fare l'Acquisto Fondamentale della Penna per la Vita, dài un'occhiata alla Platinum Procyon. Fra i colori trovi anche l'arancione (ma non della tonalità della Montblanc Hemingway). E costa relativamente poco.

Sull'estetica però non so se fa al caso tuo... qui si entra nel soggettivo assoluto.

Avatar utente
Giorgio1955
Levetta
Levetta
Messaggi: 640
Iscritto il: sabato 28 settembre 2013, 16:06
La mia penna preferita: ←Ancora --- Zerollo→
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 black
Misura preferita del pennino: Medio
Fp.it ℵ: 030
Località: Galatina (LE)
Sesso:

Consigli sinceri.

Messaggio da Giorgio1955 » venerdì 7 febbraio 2020, 7:40

Una bella arancione è questa Delta. Si dovrebbe trovare ancora.
Dolcevita stantuffo oro.
Allegati
Dolce Vita stack.jpg
Giorgio

Pelikanino
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 64
Iscritto il: martedì 27 agosto 2019, 13:25
La mia penna preferita: Pelikan m405
Il mio inchiostro preferito: Herbin verde emporio
Misura preferita del pennino: Stub
Sesso:

Consigli sinceri.

Messaggio da Pelikanino » venerdì 7 febbraio 2020, 8:36

Gargaros ha scritto:
venerdì 7 febbraio 2020, 7:13

Non ho mai tenuto in mano una Montblanc... Presumo che quando mi capiterà piangerò di gioia per cinque giorni di seguito...
Preparati a una delusione enorme. Uomo avvisato.

Pelikanino
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 64
Iscritto il: martedì 27 agosto 2019, 13:25
La mia penna preferita: Pelikan m405
Il mio inchiostro preferito: Herbin verde emporio
Misura preferita del pennino: Stub
Sesso:

Consigli sinceri.

Messaggio da Pelikanino » venerdì 7 febbraio 2020, 8:42

Alexrico ha scritto:
venerdì 7 febbraio 2020, 6:59
Grazie a chi mi ha risposto.
La penna è il regalo di matrimonio- possibilità di spesa minimo € 400,00; massimo € 1000,00. Il colore arancione è il preferito, ma non è vincolante per l’acquisto. Il riferimento (irraggiungibile è la Hemingway), ma non per forza deve essere una Montblanc.
Per quanto riguarda le risposte so benissimo che chiunque da un consiglio parte dai suoi gusti personali, dalle sue esperienze,dalla propria capacità di spendere, dal valore reale che attribuisce ad un oggetto come una stilografica .
Buona giornata a tutti.
Alexrico

Il tentativo paga l’esistenza ( Jean Paul Sartre)
Vai in negozio e stacci una mezza giornata. :silent:
Saluti

Avatar utente
Miata
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1075
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2016, 14:03
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001 Violet
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Sicilia
Sesso:
Contatta:

Consigli sinceri.

Messaggio da Miata » venerdì 7 febbraio 2020, 8:59

Ciao
Capisco la tua domanda, in parte mi ci ritrovo, ed è una fase che ho vissuto anche con le macchine fotografiche, quindi ti do il mio punto di vista usado come soggetto proprio le macchine fotografiche (analogiche).

Avrei voluto una Olympus OM1: sembrava fantastica, tutti ne parlavano bene, le ottiche poi, stupende. Quando ho avuto modo usarne una, non è scattato il feeling e sono rimasta delusa, anche se per fortuna non l'avevo ancora comprata. Poi mi è capitato di acquistare a scatola chiusa una Pentax MX, e solo dopo mi sono documentata davvero sulle sue caratteristiche, e ti posso dire che questa Pentax la sento mia, quando la uso non devo pensare e tutto mi viene spontaneo, e anche la sua filosofia si sposa con le mie idee.

Insomma, il punto è che senza dubbio un prodotto di qualità potrà dare belle sensazioni, ma non è detto che siano le sensazioni che piacciono a te.

Come dice Pelikanino, vai in negozio e passaci mezza giornata, e se è il caso, dormici su e poi ce ne passi altra mezza :lol:
Florinda
"Non abbiate nelle vostre case nulla che non sapete essere utile o che non ritenete essere bello" William Morris
Immagine

Avatar utente
HoodedNib
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1891
Iscritto il: venerdì 16 marzo 2018, 17:39
La mia penna preferita: Quella che non ho provato
Il mio inchiostro preferito: Noodler's Black, al momento
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Sesso:

Consigli sinceri.

Messaggio da HoodedNib » venerdì 7 febbraio 2020, 9:13

Miata ha scritto:
venerdì 7 febbraio 2020, 8:59
Poi mi è capitato di acquistare a scatola chiusa una Pentax MX, e solo dopo mi sono documentata davvero sulle sue caratteristiche, e ti posso dire che questa Pentax la sento mia, quando la uso non devo pensare e tutto mi viene spontaneo, e anche la sua filosofia si sposa con le mie idee.
Ah una pentaxista (come si usava dire in un forum che non frequento piu') anche tu :D
Anche se ultimamente devo dire che ci sto dietro abbastanza poco alla foto digitale...
“Ankh-Morpork had dallied with many forms of government and had ended up with that form of democracy known as One Man, One Vote. The Patrician was the Man; he had the Vote.”

Annibale
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 167
Iscritto il: mercoledì 17 gennaio 2018, 16:07
La mia penna preferita: Omas Extra Lucens
Il mio inchiostro preferito: Organic Studio - Nitrogen
Misura preferita del pennino: Stub

Consigli sinceri.

Messaggio da Annibale » venerdì 7 febbraio 2020, 11:12

Alexrico ha scritto:
giovedì 6 febbraio 2020, 21:19
[...].. puntando su una penna che diventi parte di me, senza sentire il bisogno di averne 50 magari di qualità medio scadente?
Ti rispondo sulla base della mia esperienza personale.

Se ti piacciono le penne stilografiche e le emozioni che ti trasmette lo scrivere con le stilo non ti sentirai mai appagato.

Esistono milioni di combinazioni e fattori: materiale della penna (celluloide, resina, ebanite, titanio, rifinitura in lacca etc.), finiture (rodiato, dorato etc), tipologia di pennino (europero, giapponese, tratto fine, tratto largo), tipologia gruppo scrittura e flusso. Il "problema" (se così lo si vuol chiamare) è che i tuoi gusti cambieranno, un giorno avrai piacere a scrivere con un pennino extrafine giapponese, il giorno dopo con un Music Nib, il giorno dopo ancora con un flex vintage e l'altro con un innafiatoio. Non ti sentirai mai veramente appagato perchè scrivere diventerà un piacere insaziabile.

Il mio consiglio è di iniziare con una penna che ti piaccia particolarmente dal punto di vista estetico, di arancioni ce ne sono milioni, di differenti fasce di prezzo (da 10 Euro all'infinito). Ti hanno consigliato una Pelikan Vibrant Orange, ma anche una classica Dolce Vita (se sei fortunato e la trovi) non è assolutamente da disdegnare.

Dopo il primo acquisto compulsivo, inizia a comprare penne a prezzi modici (che non significa necessariamente di qualità inferiore) per capire effettivamente quali siano le tue preferenze e fare una scelta più consapevole.

Io, comunque, aspetterei il 10 gennaio per vedere quali sono le proposte e le colorazioni della FountainPen 5000 ed inizierei da quella!

Buona fortuna nella tua ricerca ed aggiornaci.

Ciao

gionni
Levetta
Levetta
Messaggi: 570
Iscritto il: venerdì 3 febbraio 2017, 16:32
La mia penna preferita: Aurora 88K
Il mio inchiostro preferito: Pelikan 4001
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Torino
Sesso:

Consigli sinceri.

Messaggio da gionni » venerdì 7 febbraio 2020, 11:34

Io ti consiglierei una Pelikan M600, da scegliere tra quella a righe rosse, blu o verdi. E' una penna elegante, ha un ottimo pennino d'oro, il caricamento a pistone, è l'ideale per un regalo, è un modello stracollaudato e storico.

Riguardo alle Montblanc, ho anch'io forti dubbi sul corretto rapporto qualità/prezzo e sull'effettiva eccellenza del prodotto.

Ciao.
Gionni

Avatar utente
Ironnib
Pulsante di Fondo
Pulsante di Fondo
Messaggi: 452
Iscritto il: mercoledì 13 agosto 2014, 23:56
Misura preferita del pennino: Fine

Consigli sinceri.

Messaggio da Ironnib » venerdì 7 febbraio 2020, 11:49

Gargaros ha scritto:
venerdì 7 febbraio 2020, 7:13
Non ho mai tenuto in mano una Montblanc... Presumo che quando mi capiterà piangerò di gioia per cinque giorni di seguito...
Stai troppo idealizzando le Monblanc, abbagliato dal marchio....ma secondo me è un puro preconcetto.
Non sono le migliori e tanto meno "la massima qualità" come hai scritto nel post di paertura...sono sicuramente costosissime e ben pubblicittaze: punto.

Concordo che cercare una penna per colore sia superficiale....così come darsi una spesa minima...pensa: se ti piace una penna, hai bisogno che costi molto? Nel caso chiedi al venditore di alzare il prezzo fino a tuo gradimento.

Di arancione mi sento di indicarti la Faber Castell Intuition.....peccato non costi esageratamente.

https://www.youtube.com/watch?v=JrPDUqz1Ukc

al min. 00:12....medita

Maruska
Stantuffo
Stantuffo
Messaggi: 2287
Iscritto il: lunedì 11 agosto 2014, 22:49
La mia penna preferita: Pilot Capless
Il mio inchiostro preferito: Bleu Nuit J. Herbin
Misura preferita del pennino: Fine
Località: imperia (provincia)
Sesso:

Consigli sinceri.

Messaggio da Maruska » venerdì 7 febbraio 2020, 12:34

gionni ha scritto:
venerdì 7 febbraio 2020, 11:34
Io ti consiglierei una Pelikan M600, da scegliere tra quella a righe rosse, blu o verdi. E' una penna elegante, ha un ottimo pennino d'oro, il caricamento a pistone, è l'ideale per un regalo, è un modello stracollaudato e storico.

Riguardo alle Montblanc, ho anch'io forti dubbi sul corretto rapporto qualità/prezzo e sull'effettiva eccellenza del prodotto.

Ciao.
Gionni
Caro Gionni, ti amo!!!! la penso esattamente come te!
Maruska
L’egoismo non consiste nel vivere come ci pare ma nell’esigere che gli altri vivano come pare a noi.
(Oscar Wilde)

Rispondi