Terra, Lepus, Draco

Cosa si può fare con la stilografica? Scrivere e... disegnare e ... dipingere!
Rispondi
Avatar utente
fufluns
Artista
Artista
Messaggi: 896
Iscritto il: domenica 16 novembre 2014, 19:23

Terra, Lepus, Draco

Messaggio da fufluns »

Vi sono libri che acquisto perché mi sembra possano fornire buoni spunti per un soggetto quando mi sento in vena di disegnare. Uno di questi libri é Medieval & Renaissance Art, della collana "Bibliotheca Universalis" di Taschen, la riedizione di un'opera impressa originalmente in tr volumi (e in formato maggiore) tra il 1852 e il 1863. L'opera, edita da Carl Becker e Jakob Heinrich von Hefner-Alteneck, riunisce oltre 200 incisioni in rame colorate a mano, che offrono un ampio panorama delle arti applicate in Europa (che includono mobili, sculture in metallo, gioielli, tappezzerie e opere di rilegatura) tra il IX e il XVI secolo. Hefner-Alteneck (1811-1903), che eseguí la maggior parte delle incisioni per il libro, diresse il Gabinetto Reale di Incisioni e Disegni di Monaco di Baviera, e assunse in seguito la direzione del Museo Nazionale Bavaro.

IMG-0464.jpg
IMG-0466.jpg

Nonostante la squisita qualitá dlele illustrazioni e la varietá dei temi illustrati, libro é stato in realtá piú avaro di quel che mi aspettassi quanto a ispirazione per i miei disegni. Non mi stanco, peró, di sfogliarlo di tanto in tanto per ammirare allo stesso tempo i tesori dell'arte medievale e la straordinaria accuratezza delle incisioni che li raffigurano.

Durante una di queste riletture, ha attratto la mia attenzione un dettaglio che mi era passato inosservato in precedenza. Si tratta di alcune pedine di un gioco da tavola in corno di cervo, originalmente di circa 6 centimetri di diametro, realizzate nel corso del XII secolo, all'epoca - per intenderci - della seconda crociata in Terra Santa. Le pedine, due delle quali dovettero essere in origine dipinte di rosso, erano conservate nella Collezione di Sculture del Museo Statale di Berlino, dove andarono perse dopo il 1945. Le illustrazioni di Hefner-Alteneck sono quanto ne resta.

In particolare, mi ha incuriosito la raffigurazione su una delle quattro pedine, dove si vede una figura femminile accovacciata, nell'atto di allattare contemporaneamente una lepre sulla sinistra e un draghetto sulla destra. La scritta lungo il bordo della pedina conferma l'identificazione dei due "animali" e dà nome anche alla figura umana: "TERRA ; LEPUS ; DRACO”. Riproduco qui sotto il mio disegno del dritto della pedina, eseguito su materiali molto "medioevali". Il quaderno in pelle, regalo natalizio di mia moglie, si chiama infatti "Medioevo", e anche se Elvira lo acquistó in Germania, é prodotto in Italia da un'azienda che si chiama Manufactus. All'interno del quaderno si trovano quinterni di carta di Amalfi, una carta di cottone fatta a mano che inizió a prodursi nella regione amalfitana il XII e il XIII secolo: quasi contemporanaea alle pedine. L'inchiostro blu é il Permanent di Montblanc, e la penna é la mia fidata Meisterstück 149 Calligraphy, che sulla carta di Amalfi é ottima anche per disegnare.

Montblanc 149 Calligraphy, Terra, lepus, draco ©FP.jpg

Ho pensato sovente che le opere delle cosidette arti minori riflettano in modo molto piú diretto il "sentire comune" di un'epoca di quanto lo facciano i capolavori delle arti "alte". Quesi ultimi, per loro natura, rappresentano spesso una concettualizzazione maggiormente di punta, di ricerca, per certi aspetti anticipatrice rispetto alla loro epoca e per altri aspetti prodotti una visone del mondo che é assolutamente personale dei loro autori. Vi é invece, nelle opere del maestro artigiano, una ingenuità che traduce quasi senza filtri le credenze e le rappresentazioni del mondo che sono tipiche di un'era e di una societá.

Nel caso della nostra pedina, é straordinario osservare come, per l'uomo medioevale, la prodigalitá della natura si estendesse con i suoi nutrimenti verso tutte le sue creature, senza distinzione tra quelle che noi oggi consideriamo reali e quelle immaginarie. Nell'immagine della natura dell'homo medii aevi questo confine, evidentemente, era tanto labile da non essere quasi percepito. Questo non significa che il nostro maestro artigiano no avesse una sua precisa idea della identitá delle creature che raffigurava. Notate come il braccio destro della "madre" Terra accarezzi dolcemente il dorso della lepre, ma come la mano sinistra debba invece trattenere per il collo l'irruente draghetto per via della sua natura più impetuosa.

A parte la grazia della sua esecuzione, questa pedina é un piccolo capolavoro del suo tempo per la semplicitá con la quale ci racconta il mondo da cui proviene: un mondo i cui boschi, appena fuori le mura della cittadella, erano popolati in ugual maniera dalle carni appetitose della selvaggina e da draghi pericolosi.
epompei
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 28
Iscritto il: sabato 10 gennaio 2015, 2:03
La mia penna preferita: Montblanc Copernico
Il mio inchiostro preferito: Montblanc viola
Misura preferita del pennino: Fine
Fp.it 霊気: 052
Località: Chile
Sesso:
Contatta:

Terra, Lepus, Draco

Messaggio da epompei »

Grazie mille per il bel libro che non conoscevo affatto e complimenti per il disegno!!!
ilValla
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 99
Iscritto il: sabato 6 marzo 2021, 20:25
La mia penna preferita: Pineider La Grande Bellezza
Il mio inchiostro preferito: Lamy Crystal Benitoite
Misura preferita del pennino: Fine
Sesso:

Terra, Lepus, Draco

Messaggio da ilValla »

Bellissima riproduzione, ottima composizione, splendida fotografia!
Avatar utente
Tribbo
Vacumatic
Vacumatic
Messaggi: 838
Iscritto il: lunedì 30 dicembre 2019, 15:37
La mia penna preferita: Pelikan M200 Grey Marbled
Il mio inchiostro preferito: Waterman Serenity Blu
Misura preferita del pennino: Extra Fine
Località: Roma
Sesso:

Terra, Lepus, Draco

Messaggio da Tribbo »

fufluns ha scritto: sabato 22 maggio 2021, 23:52 Ho pensato sovente che le opere delle cosidette arti minori riflettano in modo molto piú diretto il "sentire comune" di un'epoca di quanto lo facciano i capolavori delle arti "alte". Quesi ultimi, per loro natura, rappresentano spesso una concettualizzazione maggiormente di punta, di ricerca, per certi aspetti anticipatrice rispetto alla loro epoca e per altri aspetti prodotti una visone del mondo che é assolutamente personale dei loro autori. Vi é invece, nelle opere del maestro artigiano, una ingenuità che traduce quasi senza filtri le credenze e le rappresentazioni del mondo che sono tipiche di un'era e di una societá.
Interessantissima considerazione Fufluns, che mi apre una notevole porta interpretativa sull’arte in genere, attraverso la storia dell’uomo

Grazie per avermi fornito questa preziosa chiave che cambierà la mia considerazione sulle arti eseguite da artisti o artigiani minori, troppo spesso oscurate dall’ombra dei “grandi”

E naturalmente complimenti per il bel disegno!
Rispondi

Torna a “Circolo Artistico”