Stilografica e.... inchiostro di China

I colori preferiti, le miscele sperimentate, le misture autoprodotte. Tutto sull'inchiostro che utilizzate nella vostra fedelissima stilografica!
Rispondi
Andrea_R

Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da Andrea_R »

Prima che mi chiediate: "perchè posti boiate figliolo? :o " Lo so, sono due parole che non andrebbero mai accostate ma ho delle boccette di vari colori (nero, blu,rosso, verde, giallo) e mi sembra un peccato lasciarle sullo scaffale ad aspettare che incrostino, rischio di otturare la penna, anche usandola tutti i giorni così da non lasciarla ferma a lungo? C'è qualcuno che ha provato a diluirli con acqua? Se qualcuno mi dice che non rischio tanto sono pronto a sperimentare ;)
Avatar utente
piccardi
Fp.it Admin
Fp.it Admin
Messaggi: 12962
Iscritto il: domenica 23 novembre 2008, 18:17
La mia penna preferita: Troppe...
Misura preferita del pennino: Extra Fine
FountainPen.it 500 Forum n.: 001
Arte Italiana FP.IT M: 001
Fp.it ℵ: 001
Fp.it 霊気: 001
Località: Firenze
Contatta:

Re: Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da piccardi »

L'inchiostro di china è una sospensione, quello stilografico una soluzione. Vuol dire che ti secca nell'alimentatore e non viene via, i vecchi Rapidograf avevano il filino di acciaio interno per evitare l'occlusione apposta. La stilografica semplicemente la intasi. Procurati un Rapidograf e usa quello. Ma non è molto comodo per scrivere normalmente.

Simone
Questo è un forum in italiano, per pietà evitiamo certi obbrobri linguistici:
viewtopic.php?f=19&t=3123
e per aiutare chi non trova un termine:
viewtopic.php?f=19&t=1758
Andrea_R

Re: Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da Andrea_R »

Ho voluto provare ugualmente dato che la penna che utilizzo ora non è costosa ne' mi piace esteticamente la differenza fra la china e una normale cartuccia pelikan si vede subito a partire dal tratto, quello della cartuccia è molto piu' fine e leggero, quello della china pesante, piu' grossolano con saltuarie sbavature, la penna non inizia a scrivere al primo colpo ma va esercitata una leggera pressione all'inizio. Gli inchiostri colorati sono veramente fantastici, al contrario di quello nero, scrivono in maniera fluida, la differenza di tonalità all'interno dello stesso tratto e' stupenda, magari provo a mischiarli. Ora vorrei provare a diluire l'inchiostro nero per migliorare la scorrevolezza
Avatar utente
klapaucius
Crescent Filler
Crescent Filler
Messaggi: 1433
Iscritto il: giovedì 23 giugno 2011, 14:23
Il mio inchiostro preferito: Pilot Iroshizuku Tsuki-yo
Misura preferita del pennino: Italico
FountainPen.it 500 Forum n.: 097
Arte Italiana FP.IT M: 048
Località: Londra
Gender:

Re: Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da klapaucius »

In alternativa potresti anche con cannuccia e pennino. ;) Non so se siano gli inchiostri più adatti ma di sicuro i residui si lavano meglio che non nelle stilografiche.
Giuseppe
Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 9551
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Gender:

Re: Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da Ottorino »

Se poi vuoi provare il brivido della china con la praticità della stilografica, procurati un "Graphos".
Mantenerlo pulito è quasi facile come i pennini da cannuccia.
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?
Andrea_R

Re: Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da Andrea_R »

:shock: belle idee, non ci avrei mai pensato, inizio a risparmiare, intanto ho risolto il problema della china nera, ho tolto il serbatoio, ho usato una siringa per pulire la penna e ho diluito l'inchiostro con l'acqua in rapporto 1 a 5, la scorrevolezza è decisamente migliorata anche il penino parte al primo colpo, l'inchiostro non slava così tanto dopo l'asciugatura spero di poter passare presto alle cartucce.
ArchMelandri
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 104
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 16:35
La mia penna preferita: Lamy 2000
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Pisa

Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da ArchMelandri »

Ma l'inchiostro Pelikan Fount India è una china a tutti gli effetti o ha qualcosa di particolare? Su un'etichetta ho letto "inchiostro di china per stilografiche".
Avatar utente
Ottorino
Tecnico - Moderatore
Tecnico - Moderatore
Messaggi: 9551
Iscritto il: lunedì 24 novembre 2008, 9:21
La mia penna preferita: Doric donatami da Fab66
Il mio inchiostro preferito: colorato brillante o neronero
Misura preferita del pennino: Stub
FountainPen.it 500 Forum n.: 096
Fp.it ℵ: 022
Fp.it 霊気: 022
Località: Firenze
Gender:

Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da Ottorino »

http://www.cultpens.com/acatalog/Pelika ... a-Ink.html

è tutto quello che ti posso offrire.

C'e' qualcosa su Fountain pen network, ma a me dice error on database.

Il rischio con la china è che si asciughi troppo nell'alimentatore e allora diventa difficile rimuoverlo. Ma per una prova non succede nulla di grave. Se poi uno non ne potesse fare a meno, bisogna che il lavaggio sia piu' frequente lungo e accurato per evitare deposizioni eccessive, altamente improbabili se non impossibili con gli inchiostri in soluzione invece che in sospensione.
C'è rimedio ? Perché preoccuparsi ? Non c'è rimedio ? Perché preoccuparsi ?
Andrea_R

Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da Andrea_R »

Ottorino ha scritto:http://www.cultpens.com/acatalog/Pelika ... a-Ink.html

è tutto quello che ti posso offrire.

C'e' qualcosa su Fountain pen network, ma a me dice error on database.

Il rischio con la china è che si asciughi troppo nell'alimentatore e allora diventa difficile rimuoverlo. Ma per una prova non succede nulla di grave. Se poi uno non ne potesse fare a meno, bisogna che il lavaggio sia piu' frequente lungo e accurato per evitare deposizioni eccessive, altamente improbabili se non impossibili con gli inchiostri in soluzione invece che in sospensione.
per l'fpn basta aggiornare la pagina, ho leggiucchiato qua e là e qualcuno sostiene che ha avuto la penna bloccata solo lasciandola qualche minuto aperta senza tappo, con l'inchiostro che, asciugato, non si scioglieva in acqua.
ArchMelandri
Snorkel
Snorkel
Messaggi: 104
Iscritto il: venerdì 17 agosto 2012, 16:35
La mia penna preferita: Lamy 2000
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Pisa

Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da ArchMelandri »

Posso benissimo farne a meno :) Era solo una curiosità sulla dicitura "china per stilografiche".
Se ne riparlerà quando proverò, se mai lo farò, a usare i pennini da intinzione.
Gli inchiostri di china (rotring e koh-i-noor) li usavo coi rapidograph, e ricordo bene la seccatura di dover lavare quelli più fini se non adoperati per un paio di giorni.
Vigj
Touchdown
Touchdown
Messaggi: 36
Iscritto il: domenica 28 marzo 2021, 22:36

Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da Vigj »

nella penna che sto recuperando qualcuno ha usato inchiostro di china e poi ha lasciato la penna ferma per decenni
in pratica la penna più intasata dell universo. una vecchia pelikan
10gg di bagno non sono stati sufficienti a poter svitare il pennino
un disastro
ce l'ho fatta scaldando con il phon, lubrificando e con maniere non gentilissime
un disastro

però la penna ora funziona bene!
Avatar utente
Monet63
Artista
Artista
Messaggi: 2629
Iscritto il: sabato 5 ottobre 2013, 22:34
La mia penna preferita: Delta Goldpen Mezzanotte n°52
Il mio inchiostro preferito: Campo Marzio Tabacco
Misura preferita del pennino: Fine
Località: Cassino - Sud Europa
Gender:
Contatta:

Stilografica e.... inchiostro di China

Messaggio da Monet63 »

Il lato buono della faccenda è la certezza che la china ha fatto il suo lavoro. Fino in fondo.
:wave:
L’opera d’arte è sempre una confessione.
Umberto Saba
Rispondi

Torna a “Inchiostri”